Torri, Adriano (2015) Utilizzo della Simulazione ad Eventi Discreti come Strumento per l'Analisi ed il Re-engineering dei Processi Sanitari. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
TesiDottoratoTorri2.pdf

Download (1MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Title: Utilizzo della Simulazione ad Eventi Discreti come Strumento per l'Analisi ed il Re-engineering dei Processi Sanitari
Creators:
CreatorsEmail
Torri, Adrianotorri2005@libero.it
Date: 23 March 2015
Number of Pages: 111
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Economia, Management e Istituzioni
Scuola di dottorato: Medicina preventiva, pubblica e sociale
Dottorato: Economia e management delle aziende e delle organizzazioni sanitarie
Ciclo di dottorato: 27
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Triassi, Mariatriassi@unina.it
Tutor:
nomeemail
Pepino, AlessandroUNSPECIFIED
Sansone, MarioUNSPECIFIED
Date: 23 March 2015
Number of Pages: 111
Uncontrolled Keywords: Discrete Event Simulation, Business Process Management, Business Process Reengineering, Healthcare, Process Analysis, Process Mining, Data Mining
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 09 - Ingegneria industriale e dell'informazione > ING-INF/06 - Bioingegneria elettronica e informatica
Date Deposited: 08 Apr 2015 12:47
Last Modified: 25 Sep 2015 07:26
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/10091
DOI: 10.6092/UNINA/FEDOA/10091

Abstract

Il contesto sanitario è particolarmente complesso in quanto caratterizzato da alti livelli qualitativi richiesti, bassi costi di gestione imposti e gestione degli asset, materiali e non, vincolata ai criteri di efficienza, efficacia ed economicità definiti in sede di pianificazione centrale a seguito delle varie riforme del settore; le regole di "domanda" e "offerta" alla base di questo settore non possono semplicemente riportarsi ai classici paradigmi funzionali dei sistemi commerciali ma sono determinate in maniera complessa da una serie di fattori difficilmente analizzabili, schematizzabili e definibili. In questo contesto per riuscire a gestire al meglio tali sistemi, si necessitano di nuove tecniche di analisi e gestione, e proprio su questo si è incentrato lo studio. Le più diffuse metodologie di analisi e gestione dei sistemi in ambiente sanitario sono di tipo ex-post o ex-ante; queste tecniche non riescono ad avere una buona efficacia in un contesto dinamico e complesso come quello sanitario, poiché non permettono di avere informazioni in tempo reale sul comportamento del sistema analizzato né di apportarvi le necessarie azioni correttive in tempi ragionevolmente rapidi. Tecniche di analisi dei dati in tempo reale esistono, ma sono scarsamente applicate in tale contesto, data la loro difficoltà di utilizzo in ambienti caratterizzati da un'elevata variabilità ed incertezza. Nel contesto sanitario quando si parla di sistema di gestione e controllo comunemente si parla di sistemi di Business Intelligence; con tale termine ci si riferisce a sistemi che permettono la raccolta di dati con lo scopo di analizzare le attività passate di un organizzazione per capirne il funzionamento, i problemi e cercare di valutare le performance e di stimare il funzionamento futuro. Una delle principali criticità che si viene a creare con tali sistemi è che essi sono alimentati con dati raccolti in maniera asincrona rispetto al momento della valutazione e funzionano quindi come sistemi di reportistica interna che riescono a fornire informazioni sul comportamento passato del sistema e predirne il comportamento futuro sulla base di informazioni che non necessariamente rispecchiano il comportamento attuale del sistema e che quindi, potrebbero non avere alcun senso dal punto di vista dell'analisi gestionale. Con questo studio ci si è posti l'obiettivo di individuare una metodologia che permettesse di: - Fare analisi precise ed accurate dei sistemi sanitari riuscendo a fornire informazioni puntuali e precise sui processi interni, sule cause di problemi e sulle performance a partire dai dati così come sono nei sistemi informativi; - Fare analisi di tipo predittivo basate sia su dati storici che su dati real time in maniera rapida, con bassi costi di gestione ed in maniera facilmente comprensibile. La metodologia proposta si basa sui concetti di reingegnerizzazione e gestione dei processi e per la sua messa in patica, necessita dell'utilizzo di strumenti di simulazione dei processi; partendo dallo studio dei sistemi di work flow management, sono state studiate le tecniche utilizzate per l'impiego dei sistemi di simulazione a supporto dei sistemi gestionali in sanità. Facendo prima uno studio su varie tipologie di software per la gestione dei flussi di lavoro e l'analisi dei processi aziendali, tra i quali sistemi di simulazione basati sulle Reti di Petri (Woped); approfondendo poi lo studio dei sistemi di simulazione e delle teorie dell'ottimizzazione dei processi, l'attività di ricerca è proseguita con lo studio di sistemi di simulazione ad eventi discreti (DES), focalizzando l'attenzione sull'impiego del software Simul8. La tecnica della Simulazione ad Eventi Discreti ben si adatta alle tecniche di analisi dei processi precedentemente nominate in quanto permette di supportare le attività di gestione dei processi a tutto tondo, dalla definizione delle attività, al monitoraggio ed all'integrazione dei processi aziendali al fine di creare un processo orientato a rendere efficiente ed efficace il business dell'azienda. In questo lavoro di tesi sono presentati tre lavori: - Il primo è un lavoro nel quale sono stati studiati i work flow del Centro di Ipertensione dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II; - Il secondo studio presentato è un lavoro inerente l'analisi puntuale delle prestazioni di un Laboratorio di Analisi del Presidio Ospedaliero San Paolo di Napoli; - Il terzo studio concerne l'analisi dei work flow di un reparto chirurgico di una struttura complessa, come può essere un'Azienda Ospedaliera Universitaria. Nei primi due casi studio riportati, sono state eseguite valutazioni di tipo quali-quantitativo inerenti tempi, costi e percentuali di utilizzo del personale, nell'ultimo invece la simulazione è servita come strumento formativo/educativo per migliorare la conoscenza del personale sui processi interni della struttura analizzata. Durante l'attività di ricerca è inoltre emersa la necessità, al fine di utilizzare in maniera corretta un modello di simulazione per l'analisi e la re-ingegnerizzazione dei processi, di validare e verificare tali modelli. Non essendo presente in letteratura un protocollo standard e univoco per la validazione dei modelli di simulazione, le attività di studio sono state indirizzate anche verso la ricerca di una tecnica, utilizzabile a prescindere dal sistema analizzato, che permettesse agilmente di validare i modelli di simulazione creati.

Actions (login required)

View Item View Item