Varone, Valeria (2016) Craniofaringioma: marcatori prognostico-predittivi di comportamento biologico aggressivo. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
varone_valeria_28.pdf

Download (1MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Title: Craniofaringioma: marcatori prognostico-predittivi di comportamento biologico aggressivo
Creators:
CreatorsEmail
Varone, Valeriavale.varone@gmail.com
Date: 29 March 2016
Number of Pages: 53
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Sanità Pubblica
Scuola di dottorato: Scienze biomorfologiche e chirurgiche
Dottorato: Morfologia clinica e patologica
Ciclo di dottorato: 28
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Montagnani, Stefaniamontagna@unina.it
Tutor:
nomeemail
Pettinato, GuidoUNSPECIFIED
Date: 29 March 2016
Number of Pages: 53
Uncontrolled Keywords: craniofaringioma; recidiva; β-catenina; staminalità; immunoistochimica; marcatori prognostico-predittivi.
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 06 - Scienze mediche > MED/08 - Anatomia patologica
Date Deposited: 08 Apr 2016 12:30
Last Modified: 31 Oct 2016 11:38
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/10793

Abstract

I craniofaringiomi (CP) sono tumori epiteliali benigni della regione sellare che originano da residui embrionali della tasca di Rathke. Si distinguono due sottotipi, l’adamantinomatoso (adaCP) e il papillare (papCP), che differiscono tra loro per gli aspetti istologici, etiopatogenetici e per l’outcome clinico. L’adaCP è il sottotipo più comune e, pur essendo una neoplasia istologicamente benigna (grado I sec. WHO), mostra un carattere localmente aggressivo che si manifesta con la tendenza a infiltrare le circostanti strutture cerebrali e a recidivare, sia a seguito dell’asportazione totale che di quella parziale associata a radioterapia. Tali aspetti rendono l’adaCP una neoplasia di difficile management terapeutico. Attualmente i meccanismi etiopatogenetici di questa neoplasia ed i fattori associati con la tendenza alla recidiva non sono del tutto noti, né disponiamo di efficaci marcatori prognostico-predittivi per poter individuare i casi di neoplasia caratterizzati da una maggiore aggressività biologica. Sulla base di quanto esposto, abbiamo deciso di effettuare uno studio neuropatologico ed immunoistochimico con correlazioni cliniche su un gruppo selezionato di CP, con gli obiettivi di poter meglio comprendere la patobiologia di questi complessi tumori ed i fattori associati con la tendenza alla recidiva, nello specifico del sottotipo adamantinomatoso, e, soprattutto, di individuare dei potenziali marcatori prognostico-predittivi da utilizzare, mediante metodica immunoistochimica, per identificare ab initio i casi di neoplasie biologicamente più aggressivi e, quindi, a maggior rischio di recidiva. Abbiamo quindi eseguito uno studio retrospettivo su ventisette CP asportati totalmente mediante tecnica endoscopica endonasale, pertanto la radicalità chirurgica ha rappresentato il criterio di inclusione nello studio. I casi sono stati distinti in gruppi sulla base dell’outcome clinico, ovvero presenza o assenza di recidiva tumorale. Abbiamo quindi valutato, mediante metodica immunoistochimica, l’espressione della β-catenina, l’espressione di noti marcatori di staminalità (CD133, CD166) e l’indice di proliferazione (Ki-67). Si tratta di un argomento poco studiato e con solo pochi lavori presenti in letteratura che tuttavia può fornire risultati significativi in termini di outcome prognostico. Ovvero, tali risultati potrebbero modificare il management terapeutico dei pazienti attraverso trattamenti aggiuntivi postoperatori per ridurre il rischio di recidive a lungo termine.

Actions (login required)

View Item View Item