Rea, Francesco Salvatore (2016) Interessi diffusi e ordinamento canonico. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
Rea_FrancescoSalvatore_28.pdf

Download (9MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Title: Interessi diffusi e ordinamento canonico
Creators:
CreatorsEmail
Rea, Francesco Salvatorefranc.salvatorerea@libero.it
Date: 31 March 2016
Number of Pages: 1456
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Giurisprudenza
Scuola di dottorato: Scienze giuridico-economiche
Dottorato: Tutela giurisdizionale dei diritti nell'ordinamento interno ed internazionale
Ciclo di dottorato: 28
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Boccagna, Salvatoresalvatore.boccagna@unina.it
Tutor:
nomeemail
Guarino, AntonioUNSPECIFIED
Date: 31 March 2016
Number of Pages: 1456
Uncontrolled Keywords: Interessi diffusi - ordinamento canonico - legittimazione ad agire - popolo di Dio - comunità
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/11 - Diritto canonico e diritto ecclesiastico
Date Deposited: 14 Apr 2016 07:53
Last Modified: 13 May 2019 01:00
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/10951

Abstract

L'analisi relativa alle forme di presenza ed agli spazi di tutela delle situazioni giuridiche a rilevanza meta-individuale nell'ordinamento canonico costituisce un significativo terreno di valutazione comparativa tra il sistema giuridico dello Stato e quello della Chiesa cattolica, in relazione all'attenzione riservata ad istanze soggettive che trascendano la mera dimensione individuale. La scienza processualcivilistica attuale, unitamente agli orientamenti giurisprudenziali ormai consolidati, presenta uno "status quo" all'interno del quale gli interessi pluri-soggettivi, e specialmente gli interessi diffusi, sembrano avviarsi verso una statica e formale soggettivizzazione in capo ad enti collettivi, organizzati e predeterminati secondo precisi requisiti. Una tendenza, quest'ultima, che rischia di produrre la sostanziale de-soggettivizzazione degli interessi "de quibus", in realtà depauperati dalla propria, primaria, natura di posizioni giuridiche nascenti in capo ad un singolo. In quest'ottica, la dimensione plurima necessita di una riflessione retrospettiva che ponga in risalto il profilo essenziale dell'aggregazione diffusa di interessi, inizialmente di natura individuale, e che sia, altresì, funzionale alla possibilità che ogni singolo membro possa configurarsene come legittimo titolare. Le entità collettive eserciteranno, perciò, un ruolo ausiliario, e non sostitutivo, in linea con il disposto ex art. 2 Cost. che promuove le formazioni sociali in funzione ed a servizio dell'individuo che ne sia membro. Siffatta situazione sembra subire un totale ribaltamento in ambito canonistico, laddove le ridottissime pronunce del tribunale della Segnatura Apostolica, certamente condizionate dai caratteri peculiari della funzione amministrativa nell'ordinamento della Chiesa cattolica, mostrano una tendenza inversa; ad assicurare, cioè, una legittimazione processuale al fedele "uti singulus" e non "uti coetus".In questo modo si crea, nel sistema giuridico canonico, un pericoloso "vulnus" di tutela, nella misura in cui non si riconosce la possibilità che un "coetus fidelium" si faccia portatore, in sede processuale, di interessi che trascendano la singola dimensione dell'individuo. La chiusura operata dal tribunale della Segnatura Apostolica arriva a lambire il punto più elevato allorché giunge a negare la legittimazione processuale in capo ad organizzazioni ecclesiali non riconosciute ai sensi del can. 299, §3, C.i.c., probabilmente a seguito di una indebita sovrapposizione tra le fattispecie dell'interesse ad agire e della capacità giuridica. Si tratta di posizioni conservatrici, in ambito giuridico, difficilmente comprensibili e, per certi aspetti, sorprendenti, a fronte delle acquisizioni ecclesiologiche conciliari e, ancor di più, dell'orientamento sinodale proposto con estrema energia dall'attuale pontificato. Sul punto un innegabile ausilio alla questione giunge dalla riflessione teologica, al centro della quale sussiste la categoria di "popolo di Dio", vero fulcro della vita della Chiesa, rispetto alla quale le elaborazioni giuridiche sembrano collocarsi più di un passo indietro, stentando a recepire principi ormai acquisiti e consolidati nella realtà ecclesiale. La rivalutazione del concetto di "comunità", come categoria fondamentale dell'ecclesiologia scaturita dal Concilio Vaticano II, e recepita nel "Codex" del 1983 specialmente in riferimento alla parrocchia (cfr. can. 515, §1), - ma ancora arenata al rango di perfetto sconosciuto nel diritto processuale della Chiesa cattolica - può costituire un interessante sentiero di passaggio, per giungere al riconoscimento della tutela giudiziaria degli interessi diffusi nell'ordinamento della Chiesa.

Actions (login required)

View Item View Item