Biotecnologie e natura umana: un rischio per l’autocomprensione del genere o una questione di giustizia?

Attademo, Gianluca (2007) Biotecnologie e natura umana: un rischio per l’autocomprensione del genere o una questione di giustizia? [Pubblicazione su rivista scientifica]

Full text disponibile come:

[img]PDF - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
191Kb

URL: http://www.filosofiaeteologia.it/homeriv.htm

Abstract

Il saggio propone un confronto critico tra due tesi centrali nel dibattito etico e bioetico sull’ingegneria genetica applicata all’uomo: l’ipotesi di J. Habermas che sottolinea come un utilizzo diffuso delle biotecnologie comprometterebbe la simmetria intergenerazionale degli agenti morali e quindi la autocomprensione etica del genere e la proposta dei bioeticisti liberali anglosassoni di considerare le tecnologie genetiche nel segno di un ampliamento delle libertà da regolare in base al principio di giustizia.

Tipologia di documento:Pubblicazione su rivista scientifica
Parole chiave:Bioetica, Biotecnologie, Bioetica e biotecnologie, Natura umana, Habermas, Buchanan, Autocomprensione
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 11 Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-FIL/03 FILOSOFIA MORALE
Stato del full text:Accessibile
Data:Gennaio 2007
Intervallo di pagina:pp. 100-115
Volume:1/2007
URL:http://www.filosofiaeteologia.it/homeriv.htm
Recensito:No
Stato dell'Eprint:Pubblicato
Titolo rivista/pubblicazione:Filosofia e Teologia
Numero di sistema:1270
Depositato il:15 Gennaio 2008
Ultima modifica:04 Febbraio 2009 09:42

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record