Tuccillo, Francesco (0014) Il creazionismo giudiziario in materia penale. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
Tuccillo_Francesco_33.pdf

Download (1MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Resource language: Italiano
Title: Il creazionismo giudiziario in materia penale
Creators:
CreatorsEmail
Tuccillo, Francescof.tuccillo@outlook.com
Date: 21 May 0014
Number of Pages: 192
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Giurisprudenza
Dottorato: Diritti umani. Teoria, storia e prassi
Ciclo di dottorato: 33
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Cascione, Cosimocasione@unina.it
Tutor:
nomeemail
Longobardo, CarloUNSPECIFIED
Date: 21 May 0014
Number of Pages: 192
Keywords: legalità; principio di legalità; giurisprudenza; creatività; diritto giurisprudenziale; creazionismo giudiziario; interpretazione;
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/17 - Diritto penale
Date Deposited: 21 May 2021 14:26
Last Modified: 07 Jun 2023 10:59
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/14117

Collection description

L'elaborato affronta le problematiche dommatiche ed applicative di quel fenomeno definibile come "creazionismo giudiziario", espressione con cui non si vuole intendere la preziosa opera di perfezionamento cognitivo della legge da parte del giudice (ormai insopprimibile), quanto quelle derive patologicamente creative della magistratura, che, attraverso l'interpretazione, aggira surrettiziamente i limiti testuali della "littera legis" e dà vita a fattispecie non positivizzate. Il presente lavoro, quindi, si concentra dapprima sull'attuale stato di salute del principio di legalità, soffermandosi, in particolare, sui fattori endogeni ed esogeni di crisi della riserva di legge. Successivamente, analizza le caratteristiche ed i più eclatanti esempi di creazioni giurisprudenziali (il cui emblema è costituito dall'istituto del concorso eventuale nei reati associativi), tentandone una classificazione casistica sulla scorta dei "titoli di responsabilità" dei soggetti istituzionalmente preposti ad arginarle. Da ultimo, vagliate le ricadute del fenomeno sul piano nazionale e sovranazionale della conoscibilità della legge penale e del principio di colpevolezza, il presente lavoro esamina alcune recenti pronunce della Corte costituzionale, che sembrerebbero delineare dei possibili rimedi "de jure condito" all'instabilità giurisprudenziale, eventualmente integrabili con una interessante soluzione "de jure condendo".

Downloads

Downloads per month over past year

Actions (login required)

View Item View Item