Stato ossido-riduttivo e risposta fisiologica a modificazioni ambientali in Bubalus bubalis

Pugliese, Carmela Regina (2009) Stato ossido-riduttivo e risposta fisiologica a modificazioni ambientali in Bubalus bubalis. [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
974Kb

Abstract

In Italia, l’allevamento del bufalo rappresenta un elemento fondamentale nell’economia, soprattutto nelle zone DOP “Mozzarella di Bufala Campana”, producendo un indotto di rilevante impatto socio-economico. Il settore latteo-caseario, infatti, ha da sempre rivestito un ruolo fondamentale nel nostro paese, raggiungendo nel 2007 un fatturato di 14.2 miliardi euro. Circa il 73% dei bufali allevati in Italia è attualmente concentrato nella regione Campania, sebbene l’allevamento del bufalo si stia diffondendo anche in regioni più vicine ai mercati europei. Il ritorno economico derivante dalla trasformazione del latte in mozzarella ha favorito il continuo incremento sia della popolazione bufalina sia delle aziende. Il mio progetto di dottorato ha puntato a: 1) valorizzare e a caratterizzare prodotti tipici della regione Campania attraverso la determinazione dei livelli caratteristici di antiossidanti e marcatori di danno ossidativo; 2) studiare la risposta fisiologica di bufale in lattazione alle variazioni climatiche (temperatura esterna) e alla variazione della densità di stabulazione. L’analisi dell’omeostasi redox del plasma e dei fluidi follicolari ovarici è stata utilizzata come strumento di valutazione del benessere animale. L’analisi dello stato redox del latte e dei suoi derivati è stata utilizzata come strumento per determinare le caratteristiche qualitative del prodotto, in quanto gli antiossidanti contribuiscono a prevenire o limitare i danni ossidativi a lipidi e proteine. I risultati ottenuti hanno permesso di dimostrare che tocoferolo (Toc) e retinolo (Ret) sono legati da proteine presenti nel citoplasma di cellule mammarie delle bufale. Queste proteine, che agiscono da “carriers” intracellulari, hanno apparentemente lo stesso peso molecolare (33 kD). Le variazioni nelle concentrazioni di questi carriers solubili sono associate alle variazioni del trasporto dei due antiossidanti attraverso le cellule mammarie. L’aumento dei livelli plasmatici di T3, nelle bufale in lattazione, in inverno è associato all’incremento dei livelli di proteine che legano Ret e Toc nel citoplasma delle cellule epiteliali delle mammelle, e di conseguenza all’aumento dei livelli di Ret e Toc nel latte.

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 05 Scienze biologiche > BIO/13 BIOLOGIA APPLICATA
Area 05 Scienze biologiche > BIO/09 FISIOLOGIA
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Ricca, Ezio
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Abrescia, Paolo
Stato del full text:Accessibile
Data:2009
Istituzione:Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento o Struttura:Scienze Biologiche
Tipo di tesi:Dottorato
Stato dell'Eprint:Inedito
Scuola di dottorato:Scienze Biologiche
Denominazione del dottorato:Biologia Applicata
Ciclo di dottorato:XXII
Numero di sistema:3668
Depositato il:26 Marzo 2010 11:38
Ultima modifica:23 Settembre 2010 12:25

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record