Improta, Giovanni (2010) L'HTA (HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT) PER IL MANAGEMENT DELLE APPARECCHIATURE BIOMEDICALI DI UN'AZIENDA OSPEDALIERA: RIALLOCAZIONE, DONAZIONE AI PAESI IN VIA DI SVILUPPO, IDEAZIONE E PROGETTAZIONE DI UNA COMUNITÀ VIRTUALE. [Tesi di dottorato] (Unpublished)

[img]
Preview
PDF
Improta_Giovanni_23.pdf

Download (6MB) | Preview

Abstract

Al centro dell’analisi c’è lo studio delle possibili procedure di donazione delle apparecchiature biomediche dismesse ma ancora funzionanti via web nell’ambito del Management Sanitario. Nella prima parte dell’elaborato vengono presentati gli strumenti necessari per la classificazione delle apparecchiature biomediche e si sottolinea la necessita della realizzazione e dell’introduzione di uno strumento in grado di valutare le apparecchiature biomedicali, al fine di dichiararne l’eventuale dismissione, al fine di garantire una corretta riorganizzazione del patrimonio tecnologico di qualsivoglia struttura sanitaria. In particolare, coerentemente con una gestione razionalizzata e ottimizzata delle risorse messe a disposizione dal Governo centrale e dalle Regioni, è stato indispensabile ottenere informazioni precise su ogni singolo passo del ciclo di vita di quelle tecnologie ritenute critiche non soltanto per gli effetti che possono avere sullo stato di salute o la qualità della vita di un individuo, ma anche per le modalità con le quali si interfacciano con la struttura nella quale si trovano. Il protocollo realizzato in questo lavoro è stato il presupposto indispensabile per determinare l’eventuale dismissione delle apparecchiature biomedicali poiché, attraverso tale strumento, è stato possibile definire la situazione riguardante la convenienza o la necessità di una dismissione di una o più apparecchiature e/o eventuali nuovi acquisti e, dunque, di conoscere meglio la realtà operativa delle apparecchiature sanitarie appartenenti all’ A.O.R.N. “A. Cardarelli” ed agire di conseguenza, per evitare inutili sprechi sia di risorse che di denaro. Il valore numerico, attraverso il quale l’apparecchiatura viene classificata consente di determinare se l’oggetto in esame risulta pienamente rispondente ai criteri o si trova in Fuori Uso indifferibile o in Fuori Uso programmato: in questo caso, si potrà procedere alla riallocazione o alla donazione, che, prescindendo dall’aspetto legale, rappresentano due valide modalità attraverso le quali continuare ad utilizzare efficacemente le macchine in esame, poiché se in un caso risulta possibile applicare una ridistribuzione del patrimonio tecnologico della struttura sanitaria, nell’altro si realizza una procedura contrattuale attraverso la quale un bene, che altrimenti sarebbe non utilizzato e destinato alla distruzione, viene donato a un’altra struttura donataria. In seguito, alla luce della necessità di migliorare il processo di donazione di apparecchiature biomedicali, per il reciproco vantaggio di donatori e beneficiari, si è proceduto con la creazione di un portale web che consente ai due attori principali di questo sistema di interagire, dotando il portale degli strumenti necessari ad entrambi aumentando cosi l’efficacia delle procedure di donazione. Per sviluppare questa parte si è seguita una linea di tipo economico-gestionale, non prima però di aver fatto luce sulle tecniche di progettazione dei siti web, quali struttura motore di ricerca, interfaccia di navigazione, url e contenuti. Successivamente è stato sviluppato un classico Business Plan nel quale si è ipotizzata la creazione di una società, per la creazione di una comunità virtuale che permettesse la donazione di apparecchiature biomedicali. Il business plan è artcolato in cinque parti: - idea progetto - analisi delle opportunita’ di mercato del progetto comunita’ virtuale - piano organizzativo e produttivo - piano di marketing - piano finanziario Infine, dal punto di vista imprenditoriale, la società ipotizzata dovrebbe portare l’impresa al punto di inversione o pareggio, che nel nostro caso si verificherà durante il II anno, detto anche break even point; a partire da questo punto tutto l’investimento fatto sarà stato recuperato e, quindi, l’impresa inizierà ad avere un profitto; mentre, dal punto di vista tecnico il portale della comunità virtuale permetterà di superare quelli che sono i punti critici della donazione off-linee e di apportare i seguenti vantaggi che sono poi le caratteristiche peculiari del web: - Immediatezza delle azioni degli attori(donatori –beneficiari) - Feedback tra le varie parti del sistema - Capillarità: la capacita di raggiungere i luoghi più disparati grazie ad un semplice doppino telefonico o alla tecnologia gps.

Item Type: Tesi di dottorato
Uncontrolled Keywords: Management sanitario, tecnologie biomediche, patrimonio tecnologico, protocollo di dismissione, riallocazione, donazione, comunità virtuale,
Depositing User: Francesca Migliorini
Date Deposited: 02 Dec 2010 14:20
Last Modified: 30 Apr 2014 19:44
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/8066

Actions (login required)

View Item View Item