The Z boson decay in two muons channel in the CMS experiment at LHC: from cross-section measurement with the 2010 7 TeV collision dataset to offline machine luminosity monitor

De Gruttola, Michele (2010) The Z boson decay in two muons channel in the CMS experiment at LHC: from cross-section measurement with the 2010 7 TeV collision dataset to offline machine luminosity monitor. [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
12Mb

Abstract

During the phd program I had the opportunity to take part actively to the CMS experiments at CERN: many aspects of the chain to take and analyze the data have been studied. Indeed, in the first year of the phd program a tool to store and retrieve the CMS condition data in the CMS databases has been developed. A web monitor tool has been also deployed to trace and check the correctness of the transactions. Instead, in the second and third year of the phd program the decay of the $Z$ boson in two muons has been analyzed.

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:LHC - CMS- electroweak
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 02 Scienze fisiche > FIS/04 FISICA NUCLEARE E SUBNUCLEARE
Area 02 Scienze fisiche > FIS/01 FISICA SPERIMENTALE
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Marrucci, Lorenzolorenzo.marrucci@na.infn.it
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Sciacca, Crisostomosciacca@na.infn.it
Lista, Lucaluca.lista@na.infn.it
Stato del full text:Accessibile
Data:28 Novembre 2010
Numero di pagine:204
Istituzione:Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento o Struttura:Scienze fisiche
Tipo di tesi:Dottorato
Stato dell'Eprint:Inedito
Scuola di dottorato:Scienze fisiche
Denominazione del dottorato:Fisica fondamentale ed applicata
Ciclo di dottorato:23
Numero di sistema:8085
Depositato il:08 Dicembre 2010 16:16
Ultima modifica:23 Maggio 2011 15:35

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record