Parrilli, Margherita (2010) L'idea di paesaggio nell'interpretazione storiografica del XX secolo in Italia. [Tesi di dottorato] (Inedito)

[img] PDF
parrilli_margherita_23.pdf
Visibile a [TBR] Amministratori dell'archivio

Download (13MB)
Tipologia del documento: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Titolo: L'idea di paesaggio nell'interpretazione storiografica del XX secolo in Italia
Autori:
AutoreEmail
Parrilli, Margheritamargherita.parrilli@gmail.com
Data: 29 Novembre 2010
Numero di pagine: 93
Istituzione: Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento: Storia dell'architettura e restauro
Scuola di dottorato: Architettura
Dottorato: Storia dell'architettura e della città
Ciclo di dottorato: 23
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Pessolano, Maria Raffaela[non definito]
Tutor:
nomeemail
Gravagnuolo, Benedetto[non definito]
Starace, Francesco[non definito]
Data: 29 Novembre 2010
Numero di pagine: 93
Parole chiave: paesaggio, estetica, storiografia
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/18 - Storia dell'architettura
Depositato il: 06 Dic 2010 09:33
Ultima modifica: 30 Apr 2014 19:45
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/8178

Abstract

La tesi indaga l’idea di paesaggio in Italia nella seconda metà del XX secolo. Il tema, al centro dell’attuale dibattito internazionale, è stato affrontato da un punto di vista storiografico che confronta due polarità nella lettura del paesaggio in Italia: quella di matrice idealista, rappresentata dagli studi di Rosario Assunto (1915-1994), quella di matrice materialista presente negli studi di Emilio Sereni (1907-1977). L’arco cronologico parte dalla seconda metà del XX secolo, analizzando gli esiti di due testi fondamentali, Storia del paesaggio agrario italiano di Emilio Sereni (1961) e Il paesaggio e l’estetica di Rosario Assunto (1973), e arriva a discutere il contributo teorico della Convenzione Europea del Paesaggio (Firenze, 2000). Il quadro di riferimento storiografico costruito si basa su alcune categorie che costituiscono la chiave di lettura dell’argomento: la storia, la natura e la rappresentazione. La tesi è strutturata secondo tre parti: la prima parte riguarda la posizione del problema epistemologico legato al paesaggio e considera come punto di partenza l’evoluzione del termine paesaggio e l’analisi di alcune definizioni; la seconda parte, considerando il paesaggio nella sua doppia valenza di oggetto storico e fenomeno estetico, analizza le due correnti di pensiero facenti capo rispettivamente ad Emilio Sereni e Rosario Assunto; la terza parte pone l’accento sulla metodologia storiografica di interpretazione del paesaggio e sul contenuto della Convenzione Europea del Paesaggio.

Actions (login required)

Modifica documento Modifica documento