Muto, Giuseppina (2014) Flessibilità dei costi per l’implementazione del Sistema Gestione Qualità secondo la Norma ISO 17025:2005 per indagini chimiche e microbiologiche delle acque destinate al consumo umano. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
TESI DOTTORATO MUTO GIUSEPPINA .pdf

Download (1MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Title: Flessibilità dei costi per l’implementazione del Sistema Gestione Qualità secondo la Norma ISO 17025:2005 per indagini chimiche e microbiologiche delle acque destinate al consumo umano.
Creators:
CreatorsEmail
Muto, Giuseppinagiusymuto@gmail.com
Date: 31 March 2014
Number of Pages: 81
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Sanità Pubblica
Scuola di dottorato: Medicina preventiva, pubblica e sociale
Dottorato: Economia e management delle aziende e delle organizzazioni sanitarie
Ciclo di dottorato: 26
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Triassi, Mariatriassi@unina.it
Tutor:
nomeemail
Capasso, ArturoUNSPECIFIED
Date: 31 March 2014
Number of Pages: 81
Uncontrolled Keywords: MANAGEMENT ACCREDITAMENTO LABORATORIO
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 06 - Scienze mediche > MED/42 - Igiene generale e applicat
Area 06 - Scienze mediche > MED/50 - Scienze tecniche mediche applicate
Aree tematiche (7° programma Quadro): SALUTE e TUTELA DEL CONSUMATORE > Biotecnologie, strumenti e tecnologie generiche per la salute umana
Date Deposited: 08 Apr 2014 13:07
Last Modified: 28 Jan 2015 09:28
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/9894

Abstract

Scopo del seguente lavoro è la trasformazione di una struttura organizzativa Universitaria in una struttura Aziendale con l’intenzione di rendere il Dipartimento di Sanità Pubblica autonomo in termini gestionali ed economici, in modo da rispondere tempestivamente alle richieste del mercato, sempre più esigente in termini di Qualità di servizi, competitività ed efficienza. Alla base di tutto ciò, si è previsto l’implementazione di un modello gestionale ed organizzativo tale da offrire precise garanzie di Qualità, per soddisfare le esigenze degli utenti, costituendo, così, l’azione strategica del successo. La Direzione del Dipartimento di Sanità Pubblica già dal 2003, ha adottato un Sistema di Gestione per la Qualità (GSQ) conforme alla Norma UNI EN ISO 9001, come strumento adeguato per dimostrare la capacità di fornire, in modo coerente e costante, prodotti e servizi che rispondessero alle aspettative dei clienti, attraverso un’efficace gestione del sistema. Tale Sistema Gestionale è stato applicato in diversi campi, sia per quanto riguarda la fornitura dei servizi in regime Ambulatoriale sia per il monitoraggio Ambientale, Chimico, Biologico e Microbiologico. Pertanto, il management riconoscendo l’importanza e i vantaggi dati dall’implementazione e dal mantenimento nel tempo di un SGQ secondo la Norma ISO 9001:2008, ha valutato l’opportunità di aderire alla UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005, che è uno standard di requisiti gestionali e tecnici, per conseguire l'Accreditamento di prove da parte dei laboratori. L'Accreditamento, garantisce che i rapporti di prova che riportano il marchio ACCREDIA siano rilasciate nel rispetto dei più stringenti requisiti internazionali in materia di valutazione della conformità, e dietro una costante e rigorosa azione di sorveglianza sul comportamento degli operatori responsabili. Obiettivo del seguente lavoro di ricerca è implementare un Sistema di Gestione della Qualità secondo la Norma ISO 17025:2005, Accreditando le prove per le indagini chimiche e microbiologiche delle acque destinate al consumo umano, con una valutazione dei costi e dei benefici attesi per il completo riassetto organizzativo del Dipartimento sia in termini gestionali che tecnologici. Il progetto di ricerca si è articolato in tre parti: 1. una prima parte che prevede una panoramica del quadro Normativo di riferimento, la ISO 9001:2008 e i requisiti gestionali e tecnici dettati dalla Norma UNI ENI ISO 17025:2005, utilizzata come traccia per la ristrutturazione e riorganizzazione del Dipartimento; 2. una seconda parte che fa un’analisi dello scenario del Dipartimento di Sanità Pubblica, con una descrizione dei laboratori, flussi di lavoro e apparecchiature elettromedicali disponibili; 3. una terza parte che alla luce degli obiettivi organizzativi, strutturali e tecnologici, ha delineato lo sviluppo di un Business plan che valuti la fattibilità del progetto, con una analisi degli investimenti da fare, la valutazione dei preventivi delle spese, le opportunità e i benefici attesi dal progetto per la vita futura del Dipartimento di Sanità Pubblica. Per Accreditarsi, è necessario un investimento che preveda spese connesse alle modifiche strutturali, logistiche e all’adeguamento degli apparecchi dei laboratori. Con tale investimento, l’attività del Dipartimento comincerà sì a ritrovarsi a sostenere dei costi maggiori (anche se molti dei quali ammortizzabili), ma anche a cominciare ad avere un incremento dei ricavi, dato proprio dalla nuova gestione che porterà un beneficio al Dipartimento, in termini di valore aggiunto.

Actions (login required)

View Item View Item