Cangiano, Alessandro (2014) Analisi molecolare mediante Risonanza Magnetica Nucleare dei tessuti renali, epatici, splenici e cardiaci in pazienti affetti da Emoglobinuria Parossistica Notturna: valore aggiunto della metodica nel follow-up dei pazienti trattati con un inibitore dell’emolisi complemento-mediata (Eculizumab). [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
TESIm Alessandro Cangiano pdf[1].pdf

Download (1MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Title: Analisi molecolare mediante Risonanza Magnetica Nucleare dei tessuti renali, epatici, splenici e cardiaci in pazienti affetti da Emoglobinuria Parossistica Notturna: valore aggiunto della metodica nel follow-up dei pazienti trattati con un inibitore dell’emolisi complemento-mediata (Eculizumab).
Creators:
CreatorsEmail
Cangiano, Alessandrocangiano.alessandro@libero.it
Date: 31 March 2014
Number of Pages: 37
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Medicina Clinica e Chirurgia
Scuola di dottorato: Scienze biomorfologiche e chirurgiche
Dottorato: Imaging molecolare
Ciclo di dottorato: 26
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Salvatore, MarcoUNSPECIFIED
Tutor:
nomeemail
Imbriaco, MassimoUNSPECIFIED
Date: 31 March 2014
Number of Pages: 37
Uncontrolled Keywords: EPN, RMN, ECULIZUMAB
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 06 - Scienze mediche > MED/36 - Diagnostica per immagini e radioterapia
Date Deposited: 17 Apr 2014 06:44
Last Modified: 21 Jan 2015 09:49
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/10004

Abstract

L’EPN è una patologia nota per portare ad una carenza di ferro, a causa della perdita urinaria del ferro, secondaria a emolisi intravascolare. Il farmaco Eculizumab è efficace nel controllo dell’emolisi intravascolare, ma i suoi effetti a lungo termine sull’omeostasi del ferro non sono stati ancora chiariti. La Risonanza Magnetica (RM) è un’ esame fondamentale e “non invasivo” per valutare la distribuzione e l’accumulo di ferro. Lo scopo di questo studio è stato di valutare la compartimentalizzazione del ferro nei pazienti affetti da EPN, alla ricerca di cambiamenti che si verificano durante il trattamento con Eculizumab; in particolare, sono stati utilizzati marcatori di emolisi intravascolare combinati con la RM per valutare il contenuto di ferro calcolato nel rene, fegato, milza e cuore e verificato quindi il valore aggiunto che la RM può avere nella diagnosi e nel follow-up dei pazienti affetti da EPN in trattamento farmacologico con Eculizumab. MATERIALI E METODI: Abbiamo studiato la distribuzione di ferro attraverso un protocollo di Risonanza Magnetica che ha permesso di analizzare i cambiamenti che si verificano a livello molecolare nei vari organi (fegato, rene, milza e cuore) in 17 pazienti affetti da EPN e divisi in diverse epoche: pazienti pre-trattamento (gruppo A), pazienti post-trattamento al tempo 1 (gruppo B, mesi 21) e al tempo 2 (gruppo C, mesi 74, con follow-up più lungo). RISULTATI: I risultati del nostro lavoro hanno mostrato che i pazienti liberi da Eculizumab mostravano emolisi intravascolare con livelli di ferritina sierica normali/bassi, e presentavano un modello omogeneo di distribuzione del ferro con siderosi della corteccia renale e assenza di deposito di ferro epato-splenico, come rilevato dalla RM. I pazienti trattati con Eculizumab, invece, (follow-up medio di 50 mesi) hanno la tendenza a normalizzare il grado di siderosi renale, con l'eccezione di coloro che subiscono residua emolisi intravascolare. La maggior parte dei pazienti hanno aumentato il loro contenuto di ferro nel fegato e nella milza. Un moderato o grave sovraccarico di ferro, è di solito associato con le trasfusioni di sangue, o con anemia residua dovuta a emolisi extravascolare. Nella maggior parte dei casi il sovraccarico di ferro era considerato subclinico e la chelazione del ferro non è stata necessaria. Questo approccio conservativo è stato supportato dalla rivalutazione a lungo termine, che ha dimostrato che il contenuto di ferro può leggermente aumentare nel tempo nel fegato senza alcuna conseguenza clinica, e in ogni caso non ha influenzato il cuore. Abbiamo infine dimostrato che l'omeostasi del ferro subisce cambiamenti drammatici mediante l’azione efficace del trattamento anticomplemento. Infatti, con eculizumab, l'inibizione di emolisi intravascolare previene la carenza di ferro tipica della EPN. Inoltre, molti pazienti diventano inclini a sviluppare un sovraccarico di ferro. Se questo sovraccarico richiede una regolare chelazione del ferro è ancora poco chiaro, ma suggerisce che l'omeostasi del ferro deve essere valutata in tutti i pazienti affetti da EPN trattati con eculizumab. CONCLUSIONI: I risultati del nostro studio, dimostrano il valore aggiunto che ha la RM, in modo del tutto invasivo, nella rilevazione del sovraccarico di ferro a carico del fegato, milza, rene e cuore nei pazienti affetti da EPN ed in corso di trattamento con Eculizumab .

Actions (login required)

View Item View Item