De Luca, Serena (2015) Ruolo dell'imaging multimodale con 18F-FDG-PET/CT e 111In-Octreotide SPECT in pazienti con carcinoma midollare della tiroide metastatico. [Tesi di dottorato]

[img]
Anteprima
Testo
De Luca_Serena.pdf

Download (677kB) | Anteprima
[error in script] [error in script]
Tipologia del documento: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Titolo: Ruolo dell'imaging multimodale con 18F-FDG-PET/CT e 111In-Octreotide SPECT in pazienti con carcinoma midollare della tiroide metastatico
Autori:
AutoreEmail
De Luca, Serenaserena.deluca.md@gmail.com
Data: 31 Marzo 2015
Numero di pagine: 42
Istituzione: Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento: Scienze Biomediche Avanzate
Scuola di dottorato: Scienze biomorfologiche e chirurgiche
Dottorato: Imaging molecolare
Ciclo di dottorato: 27
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Renda, Andreaandrea.renda@unina.it
Tutor:
nomeemail
Del Vecchio, Silvana[non definito]
Data: 31 Marzo 2015
Numero di pagine: 42
Parole chiave: carcinoma midollare della tiroide; 18F-FDG-PET/CT; 111In-Octreotide SPECT
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 06 - Scienze mediche > MED/36 - Diagnostica per immagini e radioterapia
Depositato il: 11 Apr 2015 10:47
Ultima modifica: 30 Apr 2016 01:00
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/10402
DOI: 10.6092/UNINA/FEDOA/10402

Abstract

Obiettivo: Lo scopo del nostro studio è stato quello di definire il ruolo dell'imaging multimodale con 18F-FDG-PET/TC e 111In-Octreotide SPECT nella valutazione dei pazienti con carcinoma midollare della tiroide metastatico (MMTC). Metodi: Abbiamo valutato retrospettivamente 25 pazienti affetti da MMTC che avevano eseguito una PET/TC con 18F-FDG e 20 di questi pazienti avevano eseguito anche una SPECT con 111In-Octreotide a distanza di un intervallo di tempo massimo di due settimane tra i due esami. Tutti i pazienti erano stati sottoposti ad esame TC con m.d.c. da solo o come parte dell'esame PET/CT. Risultati: La TC con m.d.c. ha rilevato un totale di 131 lesioni, delle quali 79 erano linfonodi aumentati di dimensioni e 14 lesioni ossee. La 18F-FDG-PET/TC ha individuato un totale di 92 lesioni (range SUVmax 1.1-10.0, media 4.0±1.7) di cui 66 linfonodi, 7 dei quali non ingranditi alla TC, e 8 lesioni ossee. Nei 20 pazienti studiati con entrambe le metodiche sono state osservate un totale di 64 e 46 lesioni vere positive rispettivamente con la 18F-FDG-PET/CT e con la SPECT con 111In-Octreotide. In particolare, captazione focale di 18F-FDG è stata trovata in 43 linfonodi e in 7 metastasi ossee, mentre accumulo focale di 111In-Octreotide è stato rilevato in 27 linfonodi e 10 metastasi ossee. Conclusione. Nei pazienti con MMTC, la PET/TC con 18F-FDG fornisce un contributo utile soprattutto nella valutazione del coinvolgimento linfonodale, mentre la SPECT con 111In-Octreotide può contribuire alla rilevazione e caratterizzazione recettoriale delle lesioni ossee.

Actions (login required)

Modifica documento Modifica documento