Andolfo, Vincenzo (2017) ANALISI SPERIMENTALE E TEORICA DEL COMPORTAMENTO MECCANICO DI PANNELLI IN LEGNO MASSICCIO ALLEGGERITI IN RELAZIONE AL LORO UTILIZZO PER LE COSTRUZIONI IN ZONA SISMICA. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
TESI DI DOTTORATO.pdf

Download (70MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Title: ANALISI SPERIMENTALE E TEORICA DEL COMPORTAMENTO MECCANICO DI PANNELLI IN LEGNO MASSICCIO ALLEGGERITI IN RELAZIONE AL LORO UTILIZZO PER LE COSTRUZIONI IN ZONA SISMICA
Creators:
CreatorsEmail
Andolfo, Vincenzovincenzo.andolfo@unina.it
Date: 19 May 2017
Number of Pages: 665
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Strutture per l'Ingegneria e l'Architettura
Dottorato: Ingegneria strutturale, geotecnica e sismica
Ciclo di dottorato: 29
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
ROSATI, LUCIANOrosati@unina.it
Tutor:
nomeemail
CALDERONI, BRUNOUNSPECIFIED
Date: 19 May 2017
Number of Pages: 665
Uncontrolled Keywords: costruzioni in legno; sperimentazione; modellazione numerica
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/09 - Tecnica delle costruzioni
Date Deposited: 25 Apr 2017 22:03
Last Modified: 13 Mar 2018 07:49
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/11567
DOI: 10.6093/UNINA/FEDOA/11567

Abstract

Il presente lavoro di tesi di dottorato rientra nel più ampio progetto di ricerca di livello Nazionale, progetto RELUIS, finalizzato, sulla base di simulazioni numeriche e sperimentali, alla definizione dei criteri di progettazione antisismica di edifici in legno a pannelli X-LAM. Allo stato attuale la tipologia più diffusa di costruzione degli edifici in legno è quella a pannelli portanti X-LAM, anche se non è presente una normativa tecnica specifica per la loro progettazione. Studi precedenti hanno dimostrato, per questa tipologia di pannelli, la sovrabbondanza di materiale strutturale impiegato rispetto a quello necessario per il soddisfacimento delle verifiche di resistenza dell’edificio e la mancanza di un sistema specifico di isolamento termico. Da qui nasce l’idea di questo lavoro di tesi. Dimostrare l’efficienza di un nuovo sistema tecnologico di pannelli lignei alleggeriti, costituiti da un minore quantitativo di materiale e da un sistema di isolamento termico integrato, in evoluzione al sistema classico X-LAM. Si è studiato, quindi, il comportamento meccanico del pannello Porepan, proposto dalla “G.R. Sistemi Holzindustrie s.r.l.”, azienda sito in Tito Scalo (PZ). Si tratta di pannelli portanti ad elevato isolamento termico che possono essere impiegati come:  pareti verticali;  solai. Analizzando la composizione, ogni pannello è costituito da due strati di legno con interposto strato coibente. La produzione di questi pannelli avviene in maniera prefabbricata e con macchine a controllo numerico. Questo nuovo sistema tecnologico, impiegabile per realizzare solai e pareti portanti, a differenza del pannello X-LAM, nasce dall’unione di tanti elementi mono-dimensionali semplicemente accostati tra loro tenuti insieme mediante bulloni; quindi ognuno di esso si comporta come elemento trave o colonna a portanza uni-direzionale. In generale, i pannelli in legno a strati incrociati X-LAM, possono raggiungere delle dimensioni abbastanza notevoli, facendo risultare molto difficile il trasporto e la movimentazione in cantiere. Tutt’altro accade per i pannelli Porepan, in quanto, essendo di dimensioni ridotte rispetto ai pannelli in X-LAM, possono essere facilmente trasportati e messi in opera.

Actions (login required)

View Item View Item