Maione, Francesco (2017) Valutazione della guarigione mucosale con CLE in pazienti con RCU in trattamento con mesalazina e criteri predittivi per la riacutizzazione della malattia. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
Maione_Francesco_29.pdf

Download (2MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Resource language: Italiano
Title: Valutazione della guarigione mucosale con CLE in pazienti con RCU in trattamento con mesalazina e criteri predittivi per la riacutizzazione della malattia
Creators:
CreatorsEmail
Maione, Francescofrancescomaione79@gmail.com
Date: 8 April 2017
Number of Pages: 48
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Medicina Clinica e Chirurgia
Dottorato: Terapie avanzate medico-chirurgiche
Ciclo di dottorato: 29
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Di Minno, Giovannigiovanni.diminno@unina.it
Tutor:
nomeemail
De Palma, Giovanni DomenicoUNSPECIFIED
Date: 8 April 2017
Number of Pages: 48
Keywords: rettocolite ulcerosa; p-CLE; colonscopia; endomicroscopia laser confocale.
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 06 - Scienze mediche > MED/18 - Chirurgia generale
Date Deposited: 27 Apr 2017 10:06
Last Modified: 14 Mar 2018 12:05
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/11650
DOI: 10.6093/UNINA/FEDOA/11650

Collection description

Contesto. Il monitoraggio delle lesioni in pazienti affetti da rettocolite ulcerosa (RCU) è condotto attraverso esame endoscopico tradizionale ed esame istopatologico. Tuttavia, una percentuale non trascurabile di lesioni evidenziate all’istologia non è ritrovata all’esame endoscopico. Metodiche più sensibili nell’identificazione di lesioni sono necessarie nel follow-up dei pazienti con RCU. Obiettivo. Valutazione delle alterazioni mucosali coliche con tecnica endoscopica laser confocale (p-CLE), e comparazione all’endoscopia tradizionale e all’esame istopatologico. Pazienti e Metodi. Studio osservazionale in centro di riferimento per la RCU. Pazienti con RCU e controlli sono stati sottoposti a: 1) esame endoscopico tradizionale per valutazione score sec. Mayo; 2) esame p-CLE, per la valutazione dell’architettura delle cripte (diametro cripte, distanza intercriptica, fusione cripte), della microvascolarizzazione e dello stravaso di fluoresceina; 3) esame istopatologico per classificazione RCU sec. Geboes. Risultati. Tutti i parametri della p-CLE correlano con lo score endoscopico di attività della malattia sec. Mayo (p<0.001 per trend per tutti i parametri).La fusione delle cripte è presente in tutti i pazienti RCU, indipendentemente dallo stato di malattia. Alterazioni microvascolari e stravaso di fluoresceina sono presenti nel 18% dei pazienti RCU senza evidenza di malattia all’esame endoscopico tradizionale. L’esame istopatologico rivela attività di malattia nel 40% dei pazienti senza evidenza di malattia all’esame endoscopico tradizionale. Conclusioni. La tecnica p-CLE si rivela un esame sensibile poiché permette di rilevare alterazioni morfologiche anche in pazienti RCU senza evidenza endoscopica di malattia. L’esame si rivela altresì specifico, dal momento che nessun paziente controllo presenta alterazioni endomicroscopiche. L’attività endoscopica di malattia sec. Mayo correla con tutte le alterazioni morfostrutturali ritrovate in p-CLE, suggerendo un potenziale utilizzo anche nella valutazione quantitativa delle lesioni e nella stadiazione della RCU.

Downloads

Downloads per month over past year

Actions (login required)

View Item View Item