La Fata, Ersilia (2018) ASSOCIAZIONE TRA COLESTEROLO DELLE DIVERSE FRAZIONI LIPOPROTEICHE ED ATEROSCLEROSI SUBCLINICA IN UN CAMPIONE DI DONNE NAPOLETANE. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
LaFata_Ersilia_29.pdf

Download (556kB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Resource language: Italiano
Title: ASSOCIAZIONE TRA COLESTEROLO DELLE DIVERSE FRAZIONI LIPOPROTEICHE ED ATEROSCLEROSI SUBCLINICA IN UN CAMPIONE DI DONNE NAPOLETANE
Creators:
CreatorsEmail
La Fata, Ersiliaersilia.lafata@libero.it
Date: 2018
Number of Pages: 50
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: dep13
Dottorato: phd053
Ciclo di dottorato: 29
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Marone, GianniUNSPECIFIED
Tutor:
nomeemail
Rubba, PaoloUNSPECIFIED
Date: 2018
Number of Pages: 50
Keywords: aterosclerosi, carotidi; sottoclassi lipoproteiche, menopausa.
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 06 - Scienze mediche > MED/09 - Medicina interna
Date Deposited: 21 Dec 2017 09:31
Last Modified: 09 Apr 2019 10:53
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/12073

Collection description

Il colesterolo plasmatico costituisce un ormai consolidato fattore di rischio cardiovascolare. La riduzione della colesterolemia e del colesterolo LDL diminuisce sia il rischio di coronaropatia che di ictus. Tuttavia, anche in soggetti che con terapia ipocolesterolemizzante raggiungono l’obiettivo di colesterolo LDL prefissato, permane un rischio di mortalità e morbilità per malattia cardiovascolare (rischio residuo). Scopo della presente tesi è stato di valutare la relazione tra colesterolo contenuto nelle sottoclassi lipoproteiche (VLDL, IDL, LDL, HDL) e lo spessore medio-intimale carotideo (IMT) o la presenza di placca carotidea, in una popolazione di donne in età post-menopausale. Le sottoclassi lipoproteiche sono state dosate con il sistema Lipoprint®, metodica basata sulla pre-colorazione delle frazioni lipidiche sieriche con Sudan black e sulla successiva elettroforesi in gradiente di gel di poliacrilammide al 3% non-denaturato. Lo IMT, marker surrogato di aterosclerosi subclinica maggiormente studiato ed utilizzato, è stato valutato mediante esame ultrasonografico B-mode. Le donne costituenti il campione (n=228) avevano un’età compresa tra 43 ed 81 anni (età media di 63 anni), un IMC medio di 28.2 kg/m2 e valori medi di colesterolemia di 224 mg/dl. Le VLDL-C erano correlate positivamente e in maniera statisticamente significativa con l’IMT (r=0.26, p<0.001). Sebbene anche le LDL e IDL erano associate ad IMT, solo l’associazione tra le VLDL-C ed IMT si confermava dopo correzione per i principali fattori confondenti. Inoltre, dopo stratificazione in tertili, il II ed il III tertile di VLDL-C sono risultati associati ad un rischio doppio rispetto al I tertile di presentare placche carotidee a livello della carotide comune (p< 0.05). In conclusione, il presente lavoro indica che elevati livelli di VLDL-C sono direttamente correlati ad aterosclerosi carotidea, indipendentemente dai principali fattori di rischio cardiovascolari. Il loro dosaggio mediante la metodica Lipoprint® rappresenta, quindi, un utile strumento per la quantificazione del rischio cardiovascolare.

Downloads

Downloads per month over past year

Actions (login required)

View Item View Item