NAIMOLI, CHIARA (2017) LA PROVA DEL DNA. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
NAIMOLI_CHIARA_30.pdf

Download (2MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Title: LA PROVA DEL DNA
Creators:
CreatorsEmail
NAIMOLI, CHIARAchiara.naimoli@gmail.com
Date: 11 December 2017
Number of Pages: 296
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: dep07
Dottorato: phd014
Ciclo di dottorato: 30
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Di Salvo, Settimiosettimio.disalvo@unina.it
Tutor:
nomeemail
IASEVOLI, CLELIAUNSPECIFIED
Date: 11 December 2017
Number of Pages: 296
Uncontrolled Keywords: prova scientifica; DNA.
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/16 - Diritto processuale penale
Date Deposited: 28 Dec 2017 11:23
Last Modified: 19 Mar 2019 11:54
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/12217

Abstract

La ritenuta potenzialità discriminativa della prova del DNA, sconta un effetto di mitizzazione del relativo risultato, che impone di riflettere sul reale peso che essa possiede all’interno del processo penale e sui limiti ad essa connessi. L’indagine genetica è approfondita da un punto di vista normativo, a partire dai primi momenti procedimentali, in riferimento alle tematiche della raccolta e del prelievo di materiale biologico, prospettando soluzioni de jure condendo che tengano conto della particolarità e complessità dell’indagine genetica e che si muovano nella direzione di apprestare opportune garanzie difensive. Alla luce di una necessaria comunicabilità dei saperi, in contesti così complessi e delicati, come gli accertamenti genetici, si porrà l’attenzione all’inquadramento scientifico, con l’obiettivo di rendere partecipe il giurista delle certezze e dubbi che animano l’analisi del DNA: soltanto attraversando la disciplina in punto di metodologia analitica, si potrà ben cogliere tutta la problematicità del tema. Sulla base del delicato rapporto tra scienza e processo penale, si affronterà il c.d. paradosso nella valutazione della prova scientifica, che non può che risolversi all’interno delle diverse scansioni processuali, ossia nel concreto dipanarsi della dialettica processuale sin dalle prime fasi di formazione del procedimento probatorio. Si tratterà della rilevanza del dato statistico che rientra nel patrimonio di conoscenza del giudice, legato alle insuperabili difficoltà di trasferire modelli probabilistici all’interno del processo, in una cornice orientata al principio dell’oltre ogni ragionevole dubbio.

Actions (login required)

View Item View Item