Costantino, Andrea (2017) Patologie in Theba pisana e Cornu aspersum in ambiente naturale e in allevamento intensivo. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
PhD_Tesi_Andrea_Costantino.pdf

Download (8MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Title: Patologie in Theba pisana e Cornu aspersum in ambiente naturale e in allevamento intensivo
Creators:
CreatorsEmail
Costantino, Andreaandrea.costantino@unina.it
Date: 11 December 2017
Number of Pages: 89
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: dep03
Dottorato: phd007
Ciclo di dottorato: 30
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Cozzolino, Salvatorecozzolin@unina.it
Tutor:
nomeemail
De Vico, GionataUNSPECIFIED
Date: 11 December 2017
Number of Pages: 89
Uncontrolled Keywords: Patologia, Cornu aspersum, Theba pisana, allevamento
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 05 - Scienze biologiche > BIO/05 - Zoologia
Area 05 - Scienze biologiche > BIO/06 - Anatomia comparata e citologia
Area 05 - Scienze biologiche > BIO/11 - Biologia molecolare
Area 05 - Scienze biologiche > BIO/19 - Microbiologia generale
Date Deposited: 09 Jan 2018 12:55
Last Modified: 19 Mar 2019 09:45
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/12245

Abstract

I molluschi sono il secondo più grande phylum animale, comprende circa il 7% degli animali vivi e degli habitat occupati che vanno dalle regioni alpine fino al largo delle acque profonde, con una vasta gamma di stili di vita, tra cui predatori, erbivori, detritivori e filtratori (Benkendorff K. 2010). La classe più abbondante di molluschi sono i gasteropodi, che includono i polmonati terrestri che si sono evoluti, indipendentemente dagli altri molluschi, alla vita terrestre. Data la loro adattabilità a una gamma di diversi ecosistemi, i molluschi sono noti da molto tempo per essere ospiti ideali per diversi parassiti, tra cui nematodi e trematodi (Adema 2012). Lo studio di gasteropodi polmonati ha una rilevanza sempre crescente nella ricerca biomedica. Sono infatti ospiti intermedi e vettori di diversi agenti patogeni per l'uomo e gli animali, cosiddette Snail Borne Diseases (SBD) (Giannelli et al., 2015). Si stima che almeno 300 milioni di persone che vivono in aree socialmente svantaggiate, specialmente nei paesi in via di sviluppo, soffrono di malattie debilitanti e spesso mortali trasmesse da questi vettori (Giannelli et al., 2015). Queste includono Schistosomiasi, Echinostomiasi, Fascioliasi, Fasciolopsiasi, Paragonimiasi, Opistorchiasi, Clonorchiasi e Angiostrongyliasi. I cambiamenti climatici globali, il commercio internazionale di chiocciole per alimentazione e le migrazioni di popoli dalle aree ad alto rischio epidemiologico, stanno modificando il modello geografico e le dinamiche di trasmissione dei patogeni legate alla SBD, a causa della redistribuzione dei vettori, all’allargamento della gamma parassita-ospite e dei patogeni ad essi associati (Martens, 1995). Di conseguenza, le SBD stanno emergendo anche in zone, Europa compresa, precedentemente considerate come libere da tale tipo di dinamiche epidemiologiche. Un recente articolo di Adema et al. (2012) sottolinea la necessità di uno sforzo globale della ricerca sia di base che applicata, per sradicare la SBD nell'uomo e negli animali. Oggigiorno, alcune specie di chiocciole rappresentano una risorsa alimentare per milioni di persone in tutto il mondo (Parlapani F.F, Neofitou e Boziaris, 2014), in Francia il consumo raggiunge i 40.000 tonnellate all'anno (Daguzan, 1989; Kiebre-Toe et al., 2003). In Spagna, il consumo attuale è stimato in circa 16000 tonnellate l’anno mostrando una chiara tendenza all'aumento (Ministerio de Medio Ambiente e Medio Rural y Marino, 2008). Cornu aspersum, Helix spp., Achatina spp. sono specie raccolte a scopo alimentare principalmente negli Stati Uniti, in Europa e nell'Estremo Oriente. Tra queste, C. aspersum (precedentemente noto come Helix aspersa, Müller, 1774) costituisce, insieme a Theba pisana, una delle più importanti specie di chiocciole allevate in Europa in ambito commerciale a scopo alimentare. Tuttavia, C. aspersum e T. pisana sono anche riconosciute come vettori emergenti di alcuni SBD in tutto il mondo (Giannelli et al., 2015). La conoscenza di base della biologia di questi animali risulta indispensabile per comprendere l'interazione ospite-patogeno e la trasmissione delle malattie alle specie suscettibili (Giannelli et al., 2015). La relativa mancanza di risorse bibliografiche complete riguardanti la biologia delle specie prese in esame, impone un approfondimento sullo sviluppo di strumenti diagnostici rapidi negli studi epidemiologici su larga scala. In questo contesto, la conoscenza dell’organizzazione anatomica, ultrastrutturale, della fisiologia e della patologia di tali organismi è elemento chiave per la gestione delle problematiche biomediche e agro-zootecniche ad esse correlate. Per tale motivo è stato avviato uno studio epidemiologico ed ezio-patogenetico sugli aspetti sanitari relativi alle due specie sia in ambiente naturale che in allevamento intensivo. I risultati ottenuti, rappresentano i primi dati di riferimento in questo ambito in Italia. Sulla base delle sezioni istologiche e successive osservazioni al microscopio ottico sono state descritte: la topografia/architettura generale e le caratteristiche citologiche ed istologiche di sistemi e apparati delle due specie prese in esame. I sistemi di allevamento e le patologie associate nonché i risultati della ricerca con i lavori correlati.

Actions (login required)

View Item View Item