Monteleone, Benedetto (2018) Le problematiche della responsabilità del iudex per litem suam facere. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
Monteleone_Benedetto_31.pdf

Download (1MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Title: Le problematiche della responsabilità del iudex per litem suam facere
Creators:
CreatorsEmail
Monteleone, Benedettobenedetto.monteleone@hotmail.it
Date: 16 November 2018
Number of Pages: 219
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: dep07
Dottorato: phd014
Ciclo di dottorato: 31
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Cascione, Cosimocascione@unina.it
Tutor:
nomeemail
Palma, AntonioUNSPECIFIED
Date: 16 November 2018
Number of Pages: 219
Uncontrolled Keywords: iudex; litem; suam; facere; responsabilità
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/18 - Diritto romano e diritti dell'antichità
Date Deposited: 21 Nov 2018 17:01
Last Modified: 18 Apr 2019 13:29
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/12318

Abstract

Scopo della ricerca è dimostrare come la locuzione litem suam facere, nata in ambito retorico-letterario, venga utilizzata nel secondo secolo d.C. per indicare la prima categoria generale di responsabilità “civile” del iudex. La prima actio in factum con tale denominazione, di cui rinveniamo traccia, prescindeva totalmente dall’elemento psicologico del giudice e nasceva dalla necessità sociale di limitare l’arbitrio e gli errori del soggetto giudicante; la condanna era, dunque, equitativa, sulla base del danno procurato. Tale rimedio viene, poi, ad estinguersi nel periodo severiano con la progressiva instaurazione delle cognitiones quale processo ordinario e l’istituzione dell’appello quale gravame per la riparazione dei torti della giustizia; l’actio adversus iudicem qui litem suam fecit è, ora, sempre un’actio in factum, ma per ipotesi dolose e specifiche di parzialità del iudex. In questo quadro, dunque, litem suam facere è una locuzione utilizzata per indicare responsabilità dell’organo giudicante che vengono a confluire mano a mano nelle pene criminali, fino a confondersi, nella metà del V secolo, con la vera e propria corruzione giudiziale: due ipotesi che nel diritto “classico” erano ben separate. Nella parte finale dell’indagine si mostrerà come, con l’opera di restaurazione giustinianea, quella che era stata per secoli un’espressione linguistica così vaga da aprirsi ad un’evoluzione così radicale nei secoli, riceva cogenza e schematizzazione all’interno della categoria dei quasi delicta, recuperando elementi delle origini in una mistura tra tradizione ed innovazioni dettate dall’evoluzione socio-giuridica.

Actions (login required)

View Item View Item