Maisano, Riccardo (2019) Ricognizioni scritturistiche III. Letture medioevali e moderne. UNSPECIFIED. UniorPress, Napoli.

[img]
Preview
Text
139-Book Manuscript-819-1-10-20191211.pdf

Download (3MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Monograph (UNSPECIFIED)
Lingua: Italiano
Title: Ricognizioni scritturistiche III. Letture medioevali e moderne
Creators:
CreatorsEmail
Maisano, RiccardoUNSPECIFIED
Autore/i: [Italiano]: Riccardo Maisano, Università degli studi di Napoli "L'Orientale" Ha insegnato nell’Università di Salerno (1969-1987), nell’Università di Calabria (1975-1977) e nell’Università di Napoli “L’Orientale” (1987-2017). È autore di saggi di filologia neotestamentaria, letteratura cristiana antica, filologia bizantina, storia degli studi. Ha pubblicato il manuale: Filologia del Nuovo Testamento. La tradizione e la trasmissione dei testi (Roma: Carocci Editore, 2014). Ha curato edizioni e traduzioni commentate di Giorgio Sfranze, Cronaca (Roma: Accademia dei Lincei, 1990), Temistio, Discorsi (Torino: UTET, 1995), Romano il Melodo, Cantici (Torino: UTET, 2002), Girolamo, Commento a Isaia (Roma: Città Nuova, 2013-2015), Vangelo di Luca (Roma: Carocci Editore, 2017)./[English]:Riccardo Maisano, University of Naples "L'Orientale" Has been professor in the Universities of Salerno (1969-1987), Calabria, and Naples “L’Orientale” (1987-2017). His research works concern New Testament philology, ancient Christian literature, Byzantine philology, history of scholarship. He published the handbook Filologia del Nuovo Testamento. La tradizione e la trasmissione dei testi (Roma: Carocci Editore, 2014) and a number of critical editions with Italian translation and notes: Georgios Sphrantzes’ Chronicle (Rome: Accademia dei Lincei, 1990), Themistius’ Speeches (Turin: UTET, 1995), the Kontakia of Romanos the Melodist (Turin: UTET, 2002), Jerome’s Commentary on Isaias (Rome: Città Nuova, 2013-2015), the Gospel of Luke (Rome: Carocci Editore, 2017).
Date: 2019
Number of Pages: 236
Institution: Università degli studi di Napoli “L’Orientale”
Official URL: http://www.fedoabooks.unina.it/index.php/fedoapres...
Nazione dell'editore: Italia
Place of Publication: Napoli
Publisher: UniorPress
Date: 2019
Series Name: Bibbia e Letterature
ISBN: 978-88-6719-179-6
Number of Pages: 236
Uncontrolled Keywords: Bibbia, Antico Testamento, Nuovo Testamento, Filologia biblica/ Bible, Old Testament, New Testament, Biblical Philology
NBN (National Bibliographic Number): urn:nbn:it:unina-25649
Date Deposited: 12 Dec 2019 17:02
Last Modified: 12 Dec 2019 17:02
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/12365
DOI: 10.6093/.978-88-6719-179-6

Abstract

[Italiano]:I contributi raccolti in questa silloge si propongono di ripercorrere le traiettorie concettuali e culturali individuabili mediante un approccio filologico a libri tra i più noti e frequentati della civiltà occidentale, ma anche tra i più soggetti a condizionamenti e precomprensioni. I testi sono presentati come “ricognizioni” nel senso letterale della parola: il tempo che è trascorso dalla prima stesura di gran parte di essi e i progressi compiuti nel frattempo dalla disciplina permettono di riproporli come esempio di approccio ai libri biblici in prospettiva filologica e come spunto metodologico che contribuisca a porre domande nuove intorno a temi e problemi sui quali soltanto in apparenza sembra che sia stato detto tutto. Nel secondo tomo, sono rievocati alcuni momenti di storia degli studi sulle Scritture, caratterizzati da figure che su tale storia hanno lasciato il segno: Girolamo, Gregorio Magno, i letterati bizantini Romano il Melodo e Niceta Coniata, Giovanni Diodati, Johann Jacob Wettstein, Ernesto Buonaiuti e Giovanni Garbini, richiamati come altrettanti esempi del modo di mettere i libri del Nuovo Testamento a confronto innanzitutto tra loro, quindi con i libri dell’Antico Testamento, con la letteratura patristica e con quella profana./ [English]:The papers collected in this book are intended to retrace the conceptual and cultural trajectories that can be identified through a philological approach to books that are the most famous and popular of Western civilization, but are also subject to conditioning and pre-comprehension. The papers are presented as “ricognizioni” in a literal sense: the time that has elapsed since the first draft of most of them and the progress made in the meantime by the discipline allows its re-proposal just as an example of approach to biblical books in philological perspective, looking for new questions about themes and problems on which everything seems to have been said.

Downloads

Downloads per month over past year

Actions (login required)

View Item View Item