UNSPECIFIED (2021) Beni Culturali. In che termini? Interviste con gli esperti. UNSPECIFIED. UniorPress, Napoli.

[img]
Preview
Text
Beni Culturali.pdf

Download (2MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Monograph (UNSPECIFIED)
Lingua: Italiano
Title: Beni Culturali. In che termini? Interviste con gli esperti
Autore/i: [Italiano]: Johanna Monti ha conseguito il dottorato in Teorie, metodologie e applicazioni avanzate per la Comunicazione, Informatica e Fisica presso l’Università di Salerno. È Professoressa Associata presso l’Università degli Studi “L’Orientale” di Napoli (SSD L-LIN/02), dove è responsabile dell’UNIOR NLP Research Group del dipartimento di Studi Letterari, Linguistici e Comparati, attivo nel campo della Linguistica Computazionale e Trattamento Automatico del Linguaggio Naturale (TAL) e nodo locale del Laboratorio Nazionale di Artificial Intelligence and Intelligent Systems del CINI. È inoltre delegata di Terza Missione presso lo stesso Ateneo ed è responsabile di progetti di ricerca nazionali e internazionali nel campo del TAL./[English]: Johanna Monti received her PhD in Theories, Methodologies and Advanced applications for Communication, Computer Science and Physics with a thesis in Computational Linguistics at the University of Salerno, Italy and is currently chief scientist of the UNIOR NLP Research Group of the Department of Literary, Linguistic and Comparative Studies, active in the field of Computational Linguistics and Natural Language Processing and local node of the National Laboratory of the Artificial Intelligence and Intelligent Systems of the CINI. She’s also Rectoral Delegate for the Third Mission and is the coordinator of national and international research projects. [Italiano]: Maria Pia di Buono ha conseguito il dottorato di ricerca presso l’Università di Salerno nel 2016 con una tesi sull’utilizzo di ontologie nel Trattamento Automatico del Linguaggio (TAL) per la rappresentazione e estrazione di conoscenza nel dominio dei BBCC. Ha lavorato come ricercatore post-doc presso diverse istituzioni europee partecipando a progetti nazionali e internazionali. È ricercatrice a tempo determinato (SSD L-LIN/02) presso il Dipartimento di Studi Letterari, Linguistici e Comparati dell’Università di Napoli “L’Orientale” ed è membro dell’UNIOR NLP Research Group. Membro del comitato dei revisori di diverse conferenze e riviste internazionali nell’ambito della linguistica computazionale e del TAL, partecipa alle attività del gruppo di lavoro del W3C Ontology-Lexica Community Group e alla COST Action Nexus Linguarum./[English]: Maria Pia di Buono received her PhD in Communication Sciences in 2016 with a thesis on the use of ontologies for Natural Language Processing in the Cultural Heritage domain. She was a Post-Doc researcher at international universities and excellence centres and took part in several national and international research projects. She is currently Assistant Professor (RTD-A) of Modern Languages Teaching at the University of Naples "L'Orientale" and a member of the UNIOR NLP Research Group. Her research interests concern Computational Linguistics, semantic and conceptual representation models and the development of Linguistic Resources and Language Technologies in multilingual environments. [Italiano]: Carola Carlino è membro dell’UNIOR NLP Research Group dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, dove attualmente svolge un Dottorato di Ricerca Innovativo Industriale con un progetto sulla narrazione digitale, attraverso i social network, dei contenuti prodotti delle istituzioni culturali. I suoi interessi di ricerca nell’ambito della linguistica computazionale riguardano il Digital Storytelling e le forme di narrazione multimediali./[English]: Carola Carlino is a member of the UNIOR NLP Research Group at the University of Naples “L’Orientale”, where she is currently conducting an innovative industrial PhD research project. Her research topics concern the analysis of communication strategies by Italian cultural institutions. In particular, she is interested in the use of digital storytelling applications implemented through social networks.[Italiano]: Giulia Speranza è membro dell’UNIOR NLP Research Group dell’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”, dove attualmente svolge un Dottorato di Ricerca Innovativo Industriale con un progetto sulla terminologia e la traduzione del linguaggio specialistico dell’archeologia. I suoi interessi di ricerca nel campo della linguistica computazionale riguardano la traduzione automatica e assistita, la creazione di risorse terminologiche, i Linguistic Linked Open Data./[English]: Giulia Speranza is a PhD student and member of the UNIOR NLP Research Group of the University of Naples "L’Orientale", where she currently carries out an Innovative Industrial PhD with a project on the terminology and the translation in the domain of archeology. Her research interests in the field of computational linguistics concern computer-assisted translation and machine translation, as well as the creation of terminological resources, and the Linguistic Linked Open Data. [Italiano]: Gennaro Nolano è membro dell’UNIOR NLP Research Group dell’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”, dove attualmente svolge un Dottorato di Ricerca sulla rappresentazione semantica nell’ambito del Question Answering per l’italiano sui Beni Culturali. I suoi interessi di ricerca nell’ambito della linguistica computazionale riguardano il semantic parsing, le ontologie e l’integrazione di basi di dati, in particolare Grafi di Conoscenza. /[English]: Gennaro Nolano is currently a PhD student, member of the UNIOR NLP Research Group at the University of Naples “L’Orientale”. His project is about semantic representation for Italian Question Answering over Cultural Heritage data. His research interests lie primarily in the field of computational linguistics, semantic parsing, ontologies and Knowledge Graph integration in word embeddings.
Editors:
EditorsEmail
Monti, JohannaUNSPECIFIED
di Buono, Maria PiaUNSPECIFIED
Carlino, CarolaUNSPECIFIED
Speranza, GiuliaUNSPECIFIED
Nolano, GennaroUNSPECIFIED
Date: 2021
Number of Pages: 64
Institution: Università degli studi di Napoli "L'Orientale"
Official URL: http://www.fedoabooks.unina.it/index.php/fedoapres...
Nazione dell'editore: Italia
Place of Publication: Napoli
Publisher: UniorPress
Date: 2021
Series Name: Fuori Collana
ISBN: 978-88-6719-230-4
Number of Pages: 64
Uncontrolled Keywords: Beni Culturali, terminologia, ontologie, Cultural Heritage, terminology, ontology, storytelling, heritage communities
NBN (National Bibliographic Number): urn:nbn:it:unina-27961
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro
Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-STO/08 - Archivistica, bibliografia e biblioteconomia
Date Deposited: 20 Dec 2021 09:23
Last Modified: 20 Dec 2021 09:23
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/13296
DOI: 10.6093/978-88-6719-230-4

Abstract

[Italiano]: Il presente volume è una raccolta di interviste rivolte ad alcuni importanti esperti italiani nel settore dei beni culturali (BBCC). La sfida che attualmente caratterizza il sistema dei BBCC risiede nella capacità di attuare una ricerca integrata e sinergica, al fine di superare i confini settoriali e favorire le trasformazioni culturali, ambientali e tecnologiche. Inoltre, nelle operazioni di valorizzazione, gestione, conservazione e promozione del patrimonio culturale risulta necessario l'uso innovativo della tecnologia per creare nuove forme di accesso e fruizione dei contenuti culturali, coinvolgendo attivamente i cittadini in pratiche conoscitive ed esperienziali. Pertanto, si è ritenuto opportuno rivolgere alcuni interrogativi a professionisti attualmente attivi nel settore della innovazione digitale nel campo dei Beni Culturali e Archeologici, chiedendo loro di offrire una ampia istantanea del variegato e complesso sistema della gestione del patrimonio culturale./[English]: This volume is a collection of interviews with distinguished experts in the Italian Cultural Heritage (CH) sector. The challenge that currently characterizes the CH field lies in the ability to implement integrated and synergic research, overcome sectoral boundaries and foster cultural, environmental and technological transformations. Moreover, the innovative use of technology appears to be necessary for the enhancement, management, conservation and promotion of CH processes. Such an alternative use of technology is crucial, not only to create new forms of access and fruition of cultural content but also to actively involve citizens in cognitive and experiential practices. Therefore, it was deemed appropriate to address some questions to professionals currently involved in the digital innovation process in the field of Cultural and Archaeological Heritage, asking them to offer a broad snapshot of the varied and complex system of cultural heritage management.

Downloads

Downloads per month over past year

Actions (login required)

View Item View Item