UNSPECIFIED (2023) COSMOPOETICHE. Other. UniorPress, Napoli.

[img]
Preview
Text
Cosmopoetiche.pdf

Download (20MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Monograph (Other)
Resource language: Italiano
Title: COSMOPOETICHE
Autore/i: [Italiano]: Silvana Carotenuto è Professore Ordinario di ‘Letterature in lingua inglese’ all’Università di Napoli L’Orientale, dove dirige il Centro di Studi Postcoloniali e di Genere (CSPG). Scrive di decostruzione, écriture feminine, di studi postcoloniali e visuali. È responsabile del gruppo di ricerca M.A.M. e dell’archivio digitale “Matriarchivio del Mediterraneo” (www.matriarchiviomediterraneo.org)./[English]: Silvana Carotenuto is Ordinary Professor of Literatures in English at the Università di Napoli L’Orientale, where she directs the Centro di Studi Postcoloniali e di Genere (CSPG). Her fields of interest are Deconstruction, ècriture feminine, postcolonial e visual studies. She is the referent of the research Unit M.A.M. “Matriarchivio del Mediterraneo” (www.matriarchiviomediterraneo.org). [Italiano]: Manuela Esposito è Dottoressa di ricerca in Studi Culturali e Postcoloniali del Mondo Anglofono (UniOr), membro del Centro Studi Postcoloniali e di Genere dell’Università di Napoli “L’Orientale” e del gruppo di ricerca M.A.M. Matriarchivio del Mediterraneo. È docente di ruolo di lingue straniere nella Scuola Secondaria di Primo Grado. Nel 2019 ha insegnato “World Literature” presso la scuola di lingue Sant’Anna Institute a Sorrento (NA), durante il semestre estivo della Jackson University FLA../[English]: Manuela Esposito owns her PhD in “Studi Culturali e Postcoloniali del Mondo Anglofono” (UniOr). She is a member of the Centro Studi Postcoloniali e di Genere, Università di Napoli “L’Orientale” and she is member of the research Unit M.A.M. Matriarchivio del Mediterraneo. She is a full-time teacher of English at the secondary schools. In 2019 she taught “World Literature” at the school of languages Sant’Anna Institute in Sorrento (NA), during the summer semester of Jackson University FLA. [Italiano]: Morgane Halilem studia architettura a Montpellier, in Francia (ENSAM). Il suo lavoro di ricerca si concentra sul legame tra studi di genere e postcoloniali con l'ambiente urbano e architettonico. Halilem ha svolto un periodo di tirocinio presso il Centro di Studi Postcoloniali e di Genere (CSPG) – Unior Napoli./ [English]: Morgane Halilem studies architecture at Montpellier, France (ENSAM). Her research concentrates on the relationship between gender studies and postcolonial studies in urban and architectonic environments. She spent a period of research at the Centro di Studi Postcoloniali e di Genere (CSPG) – Unior Naples. [Italiano]: Celeste Ianniciello è Dottoressa di ricerca in Studi Culturali e Postcoloniali del Mondo Anglofono (UniOr), membro del Centro Studi Postcoloniali e di Genere dell’Università “L’Orientale” di Napoli e del gruppo di ricerca sul progetto di archiviazione digitale, M.A.M. Matriarchivio del Mediterraneo. La sua ricerca si focalizza sulla cultura visuale e gli studi culturali, con particolare attenzione all’arte femminile/femminista diasporica postcoloniale in area mediterranea. Attualmente è docente di Lingua e Cultura Inglese presso le scuole superiori, è autrice di Migrations, Arts and Postcoloniality in the Mediterranean (Routledge 2018)./[English]: Celeste Ianniciello owns her PhD in Studi Culturali e Postcoloniali del Mondo Anglofono (UniOr). She is a member of the Centro Studi Postcoloniali e di Genere - Università “L’Orientale” Naples, and she is part of the research Unit M.A.M.Matriarchivio del Mediterraneo. Her interests focus on visual culture and cultural studies, with particular attention to female/feminist art in postcolonial and Mediterranean area. She is a full-time teacher of English language and culture in secondary schools. She is the author of Migrations, Arts and Postcoloniality in the Mediterranean (Routledge 2018). [Italiano]: Annalisa Piccirillo è Dottoressa di Ricerca in Studi Culturali e Postcoloniali del Mondo Anglofono (UniOr), e membro del Centro Studi Postcoloniali e di Genere (UniOr). Grazie a due Post-doc ottenuti nel 2012 e nel 2014, ha condotto il progetto di ricerca “Nuove pratiche di memoria: ‘matri-archivi’ mediterranei”, dedicandosi all’indagine delle pratiche di archiviazione di performance femminili in circolazione nell’area euro-mediterranea. È stata Friedrich Hölderlin Guest Professor presso il Theatre, Film and Media Institute della Goethe University (Francoforte, Germania), e ha insegnato “Storia della danza” presso l’Università di Salerno, e “Letteratura Inglese II-III” presso l’Università degli Studi della Basilicata. Il suo Disseminazioni coreografiche esce, nel 2023, per Uniorpress./[English]: Annalisa Piccirillo owns her PhD in Studi Culturali e Postcoloniali del Mondo Anglofono (UniOr). She is a member of the Centro Studi Postcoloniali e di Genere (UniOr). Due to two Post-doc gained in 2012 e in 2014, she carried out the research project “Nuove pratiche di memoria: ‘matri-archivi’ mediterranei”, analysing the new female performative praxes in the Euro-Mediterranean area. She was Friedrich Hölderlin Guest Professor at Theatre, Film and Media Institute - Goethe University (Frankfort, Germany), and she taught “Storia della danza” at the Università di Salerno, e “English literature” at the Università degli Studi of Basilicata. Her Disseminazioni coreografiche will be published in 2023, by Uniorpress. [Italiano]: Nabila Tavolieri è Dottoranda in ‘Studi Internazionali’ presso L'Università di Napoli L’Orientale, al Dipartimento di Scienze Umane e Sociali. La sua laurea magistrale in "Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea", svolta nel corso di Critica Letteraria e Letterature Comparate, era dedicata a “Il ‘pensiero-prassi’ femminile nero e radicale: Sylvia Wynter, Denise Ferreira da Silva, e le sperimentazioni d’arte”./[English]: Nabila Tavolieri is currently attending the PhD program in Studi Internazionali – 'Università di Napoli L’Orientale, Dipartimento di Scienze Umane e Sociali. Her master degreed in "Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea", carried out in ‘Critica Letteraria e Letterature Comparate,’ was devoted to “Il ‘pensiero-prassi’ femminile nero e radicale: Sylvia Wynter, Denise Ferreira da Silva, e le sperimentazioni d’arte”.
Editors:
EditorsEmail
Carotenuto, SilvanaUNSPECIFIED
Esposito, ManuelaUNSPECIFIED
Halilem, MorganeUNSPECIFIED
Ianniciello, CelesteUNSPECIFIED
Piccirillo, AnnalisaUNSPECIFIED
Tavolieri, NabilaUNSPECIFIED
Date: 2023
Number of Pages: 186
Institution: Università di Napoli L'Orientale
Original publication URL: http://www.fedoabooks.unina.it/index.php/fedoapres...
Nazione dell'editore: Italia
Place of Publication: Napoli
Publisher: UniorPress
Date: 2023
Series Name: Materia Postcoloniale
ISBN: 978-88-6719-268-7
Number of Pages: 186
Keywords: Femminismo, Teoria/Prassi, Archivio, Scrittura, Danza, Arte contemporanea, Cosmologie native, Feminism, Theory/Praxis, Archive, Writing, Dance, Contemporary Art, Native Cosmologies
NBN (National Bibliographic Number): urn:nbn:it:unina-29013
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-FIL/05 - Filosofia e teoria dei linguaggi
Access rights: Open access
Date Deposited: 06 Mar 2023 08:31
Last Modified: 06 Mar 2023 08:31
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/13514
DOI: 10.6093/978-88-6719-268-7

Collection description

[Italiano]: Cosmopoetiche è un progetto teorico e artistico che elabora la questione del ‘cosmo’ e delle etiche e poetiche che lo pongono al centro delle filosofie femministe della contemporaneità. Esso trova ispirazione nel lavoro straordinario di alcune madri della scrittura femminile, quali Virgina Woolf, Hélène Cixous, Luce Irigaray, Adrienne Rich, Clarice Lispector, Donna Haraway, e molte altre ‘matriarche’, studiando intimamente l’‘idrofemminismo’ di Astrida Neimanis, la nuova danza di Erin Manning, il corpus infinitum di Denise Ferreria da Silva, e molte altre sollecitazioni di pensiero e di pratica che arrivano dall’impegno ‘cosmico’ femminista. Il volume si occupa degli spazi ‘indisciplinati’ dove il cosmo è pensato, scritto e comunicato con enfasi radicale, sperimentale e militante: la narrativa, la danza contemporanea, l’istallazione, la perfomance. I suoi temi di analisi sono la migrazione nel Mediterraneo, le relazioni che la danza sperimenta con l’Altra; il rapporto tra scienza e arte; l’interesse radicalmente ecofemminista che arriva da giovani artiste native che professano la loro ibridità e sperimentazione di genere e razza. I fulcri intorno a cui ruota il cosmo di Cosmopoetiche è firmato da donne, scritto per donne, narrando e visualizzando l’esistenza femminile. Così il testo collettaneo riflette sul cosmo, sulle sue figurazioni ‘estreme’ (Braidotti), sulle sue lingue d’ospitalità, sugli intrecci interdisciplinari, le sperimentazioni eco-femministe che arrivano dall’altrove dell’occidente. Cosmopoetiche è stato pubblicato con i fondi per la promozione di attività di Public Engagement anno 2021, Dipartimento di Studi Umani e Sociali, Università di Napoli L'Orientale. Con grande generosità, l’artista Maria Thereza Alves ha donato il suo magnifico acquerello su carta The Flood del 2013; Morgane Halilem ha disegnato i lavis che accompagnano Cosmopoetiche./[English]: Cosmopoetiche is a theoretical and artistic project which elaborates on the question of the ‘Cosmo’ and on the ethics and poetics of some contemporary feminist philosophers. It finds its inspirations in the extraordinary work carried out by the mothers of feminine writing – Virginia Woolf, Hélène Cixous, Luce Irigaray, Adrienne Rich, Clarice Lispector, Donna Haraway, and many other ‘matriarchs’ – and intimately studies the ‘hydrofeminism’ proposed by Astrida Neimanis, the new dance as theorized by Erin Manning, the radical articulation of corpus infinitum by Denise Ferreira da Silva, gathering many of the other inspirations of thought and praxis that arrive from the feminist ‘cosmic’ involvement. The volume occupies the ‘un-disciplinary’ spaces where the cosmos is thought, written, and communicated with radical, experimental, and militant emphasis: narrative, contemporary dance, installations, and performances. Its themes of analysis are the question of migration in the Mediterranean, the relationship that the dance is experimenting with the Other; the relations of science and art; the ecofeminist interest which comes from young artists who claim their hybridity and their creative experimentations of gender and race. The volume’s focus is signed by women, and it is written for women, narrating and visualizing different forms of feminine existence. This is the way that the collective text reflects on the Kosmos, its ‘extreme’ figurations (Braidotti), the languages of its hospitality, its interdisciplinary crossings, the ecofeminist inventions which arrive for elsewhere and outside the western world. Cosmopoetiche is published with the fundings for the promotions of activities of Public Engagement year 2021, Dipartimento di Studi Umani e Sociali, Università di Napoli L'Orientale. The artist Maria Thereza Alves offers her magnificent ‘acquerello su carta’ The Flood 2013; Morgane Halilem creates the lavisthat accompany Cosmopoetiche.

Downloads

Downloads per month over past year

Actions (login required)

View Item View Item