Minopoli, Nadia (2021) Sviluppo di approcci farmacologici innovativi per la terapia della malattia di Pompe. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
Minopoli_Nadia_33.pdf

Download (5MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Resource language: English
Title: Sviluppo di approcci farmacologici innovativi per la terapia della malattia di Pompe
Creators:
CreatorsEmail
Minopoli, Nadianadiamino@hotmail.it
Date: 7 July 2021
Number of Pages: 111
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Scienze Mediche Traslazionali
Dottorato: Medicina clinica e sperimentale
Ciclo di dottorato: 33
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Beguinot, Francescobeguino@unina.it
Tutor:
nomeemail
Parenti, GiancarloUNSPECIFIED
Date: 7 July 2021
Number of Pages: 111
Keywords: Terapia di supporto; malattia di Pompe; chaperones farmacologici; enzima ricombinante;
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 06 - Scienze mediche > MED/38 - Pediatria generale e specialistica
Date Deposited: 19 Jul 2021 13:46
Last Modified: 07 Jun 2023 10:39
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/13736

Collection description

La malattia di Pompe (PD) è una grave miopatia ereditaria causata da una mutazione nel gene che codifica per l'α-glucosidasi acida GAA, enzima deputato alla scomposizione del glicogeno lisosomiale. I danni più significativi si osservano soprattutto nel muscolo scheletrico e cardiaco, a causa dell'accumulo materiale autofagico, che depositandosi in maniera anomala nei tessuti li danneggia e causa un lento e progressivo indebolimento della muscolatura. Attualmente l'unico approccio farmacologico è rappresentato dalla terapia enzimatica sostitutiva (ERT) che prevede la somministrazione di un enzima umano ricombinante (rh-GAA). La ERT però presenta forti limitazioni, in quanto non tutti i pazienti rispondono ugualmente bene al trattamento e non tutte le manifestazioni cliniche risultano corrette. Non è del tutto chiaro il motivo per cui ciò accade, ma probabilmente diversi fattori concorrono a limitare il successo terapeutico della ERT, tra cui l'età d'inizio del trattamento, lo stato immunologico dei pazienti, il possibile instabilità a pH neutro dell'enzima ricombinante durante il transito verso i lisosomi, la relativa carenza del recettore del mannosio-6-fosfato nelle cellule muscolari. Per tutti questi motivi è fondamentale individuare approcci alternativi e innovativi che possano superare le forti limitazioni che la terapia attualmente in uso per la cura di questa malattia presenta, al fine di migliorare le aspettative e la qualità di vita dei pazienti. Il progetto dal titolo "Sviluppo di approcci farmacologici innovativi per la terapia della malattia di Pompe" è incentrato sulla caratterizzazione di un nuovo enzima umano ricombinante prodotto in riso, geneticamente modificato, e all'individuazione di chaperones farmacologici di nuova generazione, atti a migliorare la stabilità e l'efficacia degli enzimi ricombinanti per la malattia di Pompe.

Downloads

Downloads per month over past year

Actions (login required)

View Item View Item