Analisi di marcatori apoptotici nell’ischemia cardiaca mediante tissue microarray

Calabrese, Diego (2008) Analisi di marcatori apoptotici nell’ischemia cardiaca mediante tissue microarray. [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
1582Kb

Abstract

L'infarto miocardico è una patologia causata dalla morte o necrosi di una zona di miocardio, dovuta all'improvvisa occlusione di uno o più rami delle arterie coronarie. Questa condizione morbosa, contro la quale la scienza medica lotta ogni giorno di più, rappresenta oggi la più frequente fra le cause di morte ed è in costante aumento. L’aumento dell’incidenza di tale patologia è legata al cambiamento dello stile di vita nelle nazioni industrializzate. Lo stress, il cambiamento delle abitudini alimentari che prediligono un’alimentazione più ricca di grassi e proteine rispetto al passato e le abitudini sempre più sedentarie, concorrono nell’incremento del rischio di infarto in tali popolazioni. I ROS (Reactive Oxygen Species) sono piccole molecole altamente reattive che derivano principalmente dalla respirazione aerobica. In condizioni fisiologiche, esiste un equilibrio tra i livelli di ROS, prodotti durante il normale metabolismo cellulare, e la loro degradazione ad opera degli antiossidanti endogeni, che li trasformano in molecole non tossiche. La perturbazione di questo equilibrio produce una condizione chiamata stress ossidativo, che è causa di un’ampia varietà di patologie, tra cui danni cardiovascolari, disordini neurologici o alterazioni cromosomiche. Inoltre lo stress ossidativo rappresenta uno dei maggiori stimoli apoptotici, ed è noto che l’apoptosi dei miociti cardiaci gioca un ruolo significativo nello sviluppo dell’infarto del miocardio e di diverse patologie cardiovascolari quali cardiomiopatie dilatative, ipertensione e aterosclerosi. La famiglia delle superossido dismutasi (SOD) è tra gli antiossidanti enzimatici più diffusi ed importanti: se ne conoscono 3 isoforme, una citoplasmatica (SOD1), una mitocondriale (SOD2) ed una extracellulare (EC-SOD o SOD3). Questo lavoro si pone come obiettivo la valutazione dell’espressione delle SOD, attraverso tecniche di immunoistochimica applicata ai tissue microarray ed RT-PCR, in un campione di soggetti colpiti da infarto. Il fine di tale lavoro è verificare l’esistenza di una correlazione statisticamente significativa tra l’espressione delle superossido dismutasi e la patologia ischemica cardiaca. Valuteremo, infine, l’espressione di marcatori apoptotici, al fine di verificare una corrispondenza tra le variazioni nell’espressione delle superossido dismutasi ed i fenomeni apoptotici.

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:Tissue Microarray; SOD; Heart Infarction
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 05 Scienze biologiche > BIO/16 ANATOMIA UMANA
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Montagnani, Stefaniamontagna@unina.it
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Montagnani, Stefaniamontagna@unina.it
Stato del full text:Accessibile
Data:19 Novembre 2008
Numero di pagine:88
Istituzione:Università degli Studi di Napoli "Federico II"
Dipartimento o Struttura:Scienze Biomorfologiche e Funzionali
Tipo di tesi:Dottorato
Stato dell'Eprint:Inedito
Scuola di dottorato:Morfologia Clinica e Patologica
Denominazione del dottorato:Morfologia Clinica e Patologica - Anatomia Umana Normale
Ciclo di dottorato:XXI
Numero di sistema:3222
Depositato il:11 Novembre 2009 11:07
Ultima modifica:29 Agosto 2012 11:47

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record