Tinea incognita: una nuova terapia

Calabrò, Gabriella and Nino, Massimiliano and Lo Conte, Viviana (2006) Tinea incognita: una nuova terapia. In: Giornate di terapia in dermovenereologia, XII riunione, 28-29 gennaio 2006, Catania, Italia.

Full text non disponibile da questo archivio.

Abstract

Viene presentato il caso di un uomo di 23 anni, giunto alla nostra osservazione per la comparsa da circa 5 mesi alle regioni periorbitaria e zigomatica destra di una chiazza eritemato-papulosa di 6 centimetri di diametro, leggermente infiltrata alla periferia e scarsamente pruriginosa. Il paziente, alcuni mesi prima, presso un altro centro, era stato sottoposto a biopsia della lesione da cui risultava diagnosi di LED e trattato con idrossiclorochina solfato 200 mg/die per 2 mesi e clobetasolo propionato per via topica con peggioramento delle manifestazioni. Abbiamo eseguito esami micologici: all’ esame microscopico diretto sono state evidenziate ife da dermatofiti, mentre all’esame colturale, eseguito su terreno di Saboraud, si sono sviluppate colonie di Trichophyton rubrum. La terapia con itraconazolo 200 mg/die per 30 giorni e con un imidazolico, applicato 2 volte al giorno, portava a completa risoluzione del quadro clinico. Segnaliamo il caso per sottolineare la necessità di effettuare sempre gli esami micologici nei pazienti con chiazze eritemato-desquamative, al fine di avere una diagnosi certa e quindi prescrivere una terapia mirata.

Tipologia di documento:Contributo in atti di congresso o conferenza (Poster)
Parole chiave:Tinea incognita, Trichophyton rubrum
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 06 Scienze mediche > MED/35 MALATTIE CUTANEE E VENEREE
Stato del full text:Accessibilità ristretta
Data:Gennaio 2006
Recensito:No
Tipo di Evento:Conferenza
Titolo dell'evento:Giornate di terapia in dermovenereologia, XII riunione
Luogo dell'Evento:Catania, Italia
Data dell'evento:28-29 gennaio 2006
Stato dell'Eprint:Pubblicato
Numero di sistema:327
Depositato il:04 Maggio 2006
Ultima modifica:04 Febbraio 2009 09:38

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record