Brun, Roberto (2009) TUMORI VESCICALI NEI BOVINI. [Tesi di dottorato] (Inedito)

[img] PDF
Brun.pdf
Visibile a [TBR] Amministratori dell'archivio

Download (708kB)
Tipologia del documento: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Titolo: TUMORI VESCICALI NEI BOVINI
Autori:
AutoreEmail
Brun, Robertorobertobrun78@hotmail.it
Data: 26 Novembre 2009
Numero di pagine: 26
Istituzione: Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento: Patologia e sanità animale
Scuola di dottorato: Scienze veterinarie per la produzione e la sanità
Dottorato: Biologia, patologia e igiene ambientale in medicina veterinaria
Ciclo di dottorato: 22
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Paino, Giuseppe[non definito]
Tutor:
nomeemail
Maiolino, Paola[non definito]
Data: 26 Novembre 2009
Numero di pagine: 26
Parole chiave: TUMORI, VESCICA, BOVINI, BPV-2
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > VET/03 - Patologia generale e anatomia patologica veterinaria
Depositato il: 29 Apr 2010 11:00
Ultima modifica: 30 Apr 2014 19:38
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/3720

Abstract

L’ematuria enzootica del bovino è una sindrome, a decorso cronico, caratterizzata dalla presenza di sangue nelle urine. Nei bovini che vivono allo stato brado e che si alimentano con prodotti del sottobosco, tra i quali la felce (Pteridium aquilinum) è , in oltre il 90% dei casi , associata con l’insorgenza di tumori della vescica. I tumori della vescica nei bovini sono particolarmente rari. I dati in letteratura riportano un’incidenza dell’ 0.1-0.01% (Meuten, 2002). Una prevalenza dello 0,1% è stata osservata nei bovini in Kenia e dello 0,01% negli Stati Uniti (Pamukcu, 1974). I tumori vescicali sono molto comuni, invece, in bovini adulti che si alimentano con felce raggiungendo un’incidenza del 90% e oltre ( Jubb et al., 1993; Pamukcu et al., 1976; Roperto et al., 2009). E’ stato suggerito che nel determinismo di tali manifestazioni neoplastiche, un ruolo principale spetti all’azione congiunta tra alcune sostanze tossiche contenute nella felce e alcune proteine virali, in particolare l’E5 del papillomavirus bovino tipo 2 (BPV-2) In questo studio ,le lesioni riscontrate in corso di eventi neoplastici vescicali nei bovini sono sovrapponibili a quelle riportate dal WHO nell’uomo. Alcune lesioni ,già note nell’uomo, sono state descritte per la prima volta in Medicina Veterinaria, come le atipie di origine sconosciuta , i vari pattern del carcinoma in situ(CIS) ,il carcinoma sarcomatoide e il lymphoepithelioma-like carcinoma. La sovrapponibilità delle lesioni vescicali dei bovini con la controparte umana è un ulteriore dimostrazione della validità del bovino come animal-model per la cancerogenesi umana.

Actions (login required)

Modifica documento Modifica documento