La Valutazione Ambientale Strategica delle aree portuali. Un’applicazione alla proposta di porto isola a sud di Salerno

Scerbo, Marco (2009) La Valutazione Ambientale Strategica delle aree portuali. Un’applicazione alla proposta di porto isola a sud di Salerno. [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
142Mb

Abstract

Con l’entrata in vigore nell’ordinamento legislativo italiano del D. Lgs. 152/2006 e del successivo decreto correttivo 4/2008, la Valutazione Ambientale Strategica (VAS), così come per altri paesi europei a fronte della normativa 42/2001/CE, è diventato lo strumento di valutazione per “…integrare le considerazioni ambientali all’interno dei piani e programmi aventi effetti rilevanti sull’ambiente”. Basato sui principi dello sviluppo sostenibile, la VAS è strumento in grado di orientare le scelte e le decisioni a livello strategico, assicurando la corretta previsione, valutazione e monitoraggio delle scelte progettuali preferibili in contesti decisionali incerti e dagli effetti indeterminati, sia per i piani che per i programmi. Diventa, quindi, un’interessante sfida l’applicazione dello strumento valutativo al campo di applicazione delle aree portuali, interessate, nell’ultimo decennio, da grandi trasformazioni ed interessi economici su scala planetaria. Il boom della containerizzazione, il conseguente gigantismo navale, la necessità di apportare modifiche sostanziali ad infrastrutture obsolete, ha prodotto innovazioni, integrazioni e nuove progettazioni di infrastrutture portuali capaci di interagire, nella maniera più conveniente e rapida possibile, alla rete logistica intermodale a supporto delle principali attività socio-economiche contemporanee. Questo lavoro costituisce un’applicazione della VAS alla proposta di realizzare un nuovo porto isola a sud di Salerno, effettuando una sintesi delle migliori pratiche svolte nel settore ed adoperando il metodo dell’Analytic Network Process (T. L. Saaty) per la scelta dell’alternativa preferibile alla localizzazione dello stesso nel litorale prospiciente i Comuni di Pontecagnano-Faiano, Battipaglia ed Eboli. Con l’entrata in vigore nell’ordinamento legislativo italiano del D. Lgs. 152/2006 e del successivo decreto correttivo 4/2008, la Valutazione Ambientale Strategica (VAS), così come per altri paesi europei a fronte della normativa 42/2001/CE, è diventato lo strumento di valutazione per “…integrare le considerazioni ambientali all’interno dei piani e programmi aventi effetti rilevanti sull’ambiente”. Basato sui principi dello sviluppo sostenibile, la VAS è strumento in grado di orientare le scelte e le decisioni a livello strategico, assicurando la corretta previsione, valutazione e monitoraggio delle scelte progettuali preferibili in contesti decisionali incerti e dagli effetti indeterminati, sia per i piani che per i programmi. Diventa, quindi, un’interessante sfida l’applicazione dello strumento valutativo al campo di applicazione delle aree portuali, interessate, nell’ultimo decennio, da grandi trasformazioni ed interessi economici su scala planetaria. Il boom della containerizzazione, il conseguente gigantismo navale, la necessità di apportare modifiche sostanziali ad infrastrutture obsolete, ha prodotto innovazioni, integrazioni e nuove progettazioni di infrastrutture portuali capaci di interagire, nella maniera più conveniente e rapida possibile, alla rete logistica intermodale a supporto delle principali attività socio-economiche contemporanee. Questo lavoro costituisce un’applicazione della VAS alla proposta di realizzare un nuovo porto isola a sud di Salerno, effettuando una sintesi delle migliori pratiche svolte nel settore ed adoperando il metodo dell’Analytic Network Process (T. L. Saaty) per la scelta dell’alternativa preferibile alla localizzazione dello stesso nel litorale prospiciente i Comuni di Pontecagnano-Faiano, Battipaglia ed Eboli.

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:VAS, Analisi multicriterio, ANP
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 08 Ingegneria civile e Architettura > ICAR/22 ESTIMO
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Fusco Girard, Luigigirard@unina.it
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Fusco Girard, Luigigirard@unina.it
Stato del full text:Accessibile
Data:30 Novembre 2009
Numero di pagine:295
Istituzione:Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento o Struttura:Conservazione dei Beni Architettonici ed Ambientali
Tipo di tesi:Dottorato
Stato dell'Eprint:Inedito
Scuola di dottorato:Architettura
Denominazione del dottorato:Metodi di valutazione per la conservazione integrata del patrimonio architettonico, urbano ed ambientale
Ciclo di dottorato:XXII
Numero di sistema:3924
Depositato il:26 Maggio 2010 12:49
Ultima modifica:13 Luglio 2012 11:25

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record