Longobardi, Claudio (2009) Le autonomie territoriali e il processo di integrazione europea. [Tesi di dottorato] (Unpublished)

[img] PDF
longobardi.pdf
Visibile a [TBR] Repository staff only

Download (1MB)
Item Type: Tesi di dottorato
Language: Italiano
Title: Le autonomie territoriali e il processo di integrazione europea
Creators:
CreatorsEmail
Longobardi, Claudioclaudio.longobardi@inwind.it
Date: 10 November 2009
Number of Pages: 227
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Scienze dello stato
Doctoral School: Scienze politiche
PHD name: Scienza politica e istituzioni in Europa
PHD cycle: 22
PHD Coordinator:
nameemail
Feola, RaffaeleUNSPECIFIED
Tutor:
nameemail
Notaro, LuigiUNSPECIFIED
Date: 10 November 2009
Number of Pages: 227
Uncontrolled Keywords: Regioni, Lander, Comunità Autonome, integrazione europea, neocentralismo statale.
MIUR S.S.D.: Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/08 - Diritto costituzionale
Date Deposited: 11 Dec 2009 17:09
Last Modified: 30 Apr 2014 19:39
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/4044

Abstract

Con la riforma del Titolo V della Costituzione italiana, il legislatore regionale acquista sempre di più il carattere di un “legislatore regionale europeo”. Più di recente, il ruolo di questo “nuovo” legislatore regionale, nell’ambito del procedimento decisionale comunitario, va assumendo caratteristiche definite grazie alle leggi di attuazione che hanno dato seguito alla riforma. L’obiettivo del progetto di ricerca proposto consiste quindi, nella rappresentazione e nell’approfondimento degli strumenti ora esistenti in ambito nazionale e regionale, al fine di delineare il punto di partenza per ciascuna Regione che, a seguito della Legge n. 11 del 2005, deciderà di predisporre apposite norme, strutture e risorse umane.La valorizzazione del ruolo parlamentare e regionale all’interno dell’intero processo decisionale comunitario, il rafforzamento del sistema delle Conferenze, l’istituzione di obblighi informativi dettagliati sia in fase ascendente che discendente, la compiuta disciplina del potere sostitutivo dello Stato per le materie di competenza regionale, sono gli strumenti principali predisposti dalla nuova legge di procedura, che si esaminerà con riferimento agli aspetti di interesse strettamente regionale. Tuttavia, la disamina dell’argomento proposto non può prescindere da una visione comparata: per le peculiarità dei rispettivi ordinamenti si è soffermata l’attenzione su Germania e Spagna.

Actions (login required)

View Item View Item