L’EVOLUZIONE DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA NELLA PROSPETTIVA PRACTICE BASED: IL CASO GENERAL ELECTRIC COMPANY (1945-2008)

Barbero, Serena (2009) L’EVOLUZIONE DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA NELLA PROSPETTIVA PRACTICE BASED: IL CASO GENERAL ELECTRIC COMPANY (1945-2008). [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]PDF - Solo per gli Amministratori dell'archivio - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
1988Kb

Abstract

La pianificazione strategica è apparsa negli ultimi quindici annianacronistica, almeno apparentemente, perché, come di recente è stato dimostrato, continua ad essere praticata nelle aziende, specie quelle di grandi dimensioni. Nel presente lavoro si illustra e si discute l’evoluzione – dalla fine della seconda guerra mondiale ad oggi – della pianificazione strategica in General Electric (GE), l’impresa che Henry Mintzberg considera la prima ad aver adottato un processo formale (anni ’60) e la prima ad averla accantonata (anni ‘90). La tesi indaga come si sono modificati i ruoli formali, il linguaggio, i processi decisionali, le pratiche e gli attori che, a vario titolo, partecipano all’elaborazione della strategia in una grande e diversificata multinazionale con una prolungata storia di crescita intensa. Più in particolare, si analizzano la prassi strategica ed i canali di governance attraverso la combinazione degli approcci teorici dell’evoluzione intra-aziendale. L’analisi storica della pianificazione strategica in GE (1) fornisce una nuova prospettiva su come la pianificazione è organizzata; (2) suggerisce che caratterizzarla come attività di staff e di line è un’eccessiva semplificazione concettuale; (3) mostra che la sua evoluzione non segue l’innovazione accademica, ma è piuttosto il risultato di un sistema e di una pratica evolutiva indirizzata dalla centralità del ruolo del CEO nella progettazione e realizzazione dell’architettura strategica. La ricerca mostra, in particolare, che (a) i sistemi di pianificazione strategica evolvono nel tempo e sono soggetti a trasformazione quando muta il top management; (b) l’evoluzione non è mai una trasformazione radicale ma è path dependant; (c) il top management dovrebbe progettare un sistema corrispondente al proprio stile di direzione, le proprie attitudini e finalità; (d) nelle aziende, altamente complesse, il cuore del sistema – e quindi le componenti più critiche di progettazione – sono i canali di governance; (e) la pianificazione per essere credibile deve collegarsi strettamente a concrete iniziative strategiche.

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:Pianificazione strategica; practice-based
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 13 Scienze economiche e statistiche > SECS-P/07 ECONOMIA AZIENDALE
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Caldarelli, Adeleadele.caldarelli@unina.it
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Viganò, Riccardoricvigan@unina.it
Stato del full text:Inedito
Data:26 Novembre 2009
Numero di pagine:127
Istituzione:Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento o Struttura:Dipartimento di Economia Aziendale
Tipo di tesi:Dottorato
Stato dell'Eprint:Inedito
Scuola di dottorato:Scuola di Economia Aziendale
Denominazione del dottorato:Scienze Aziendali
Ciclo di dottorato:XXII
Numero di sistema:4086
Depositato il:14 Dicembre 2009 13:22
Ultima modifica:15 Settembre 2010 11:16

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record