Borrelli, Alessandro (2009) SINDROME ADERENZIALE POST-OPERATORIA IN CHIRURGIA COLO-RETTALE: ANALISI ETIOPATOLOGICA, CONFRONTO TRA I PRINCIPALI SISTEMI BIOLOGICI DI PREVENZIONE. [Tesi di dottorato] (Unpublished)

[img]
Preview
PDF
BORRELLI.pdf

Download (591kB) | Preview
Item Type: Tesi di dottorato
Language: Italiano
Title: SINDROME ADERENZIALE POST-OPERATORIA IN CHIRURGIA COLO-RETTALE: ANALISI ETIOPATOLOGICA, CONFRONTO TRA I PRINCIPALI SISTEMI BIOLOGICI DI PREVENZIONE
Creators:
CreatorsEmail
Borrelli, Alessandroalessandro.borrelli@libero.it
Date: 29 November 2009
Number of Pages: 64
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Scienze chirurgiche anestesiologico-rianimatorie e dell'emergenza
Doctoral School: Scienze biomorfologiche e chirurgiche
PHD name: Scienze chirurgiche e tecnologie diagnostico-terapeutiche avanzate
PHD cycle: 22
PHD Coordinator:
nameemail
Renda, Andrearenda@unina.it
Tutor:
nameemail
Renda, Andrearenda@unina.it
Date: 29 November 2009
Number of Pages: 64
Uncontrolled Keywords: SINDROME ADERENZIALE, OCCLUSIONE INTESTINALE, BIOMATERIALE IN CHIRURGIA
MIUR S.S.D.: Area 06 - Scienze mediche > MED/18 - Chirurgia generale
Date Deposited: 11 Dec 2009 09:14
Last Modified: 30 Apr 2014 19:40
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/4179

Abstract

Le aderenze chirurgiche possono essere ridotte o controllate attraverso vari meccanismi possibili: riduzione dell’infiammazione iniziale, inibizione della coagulazione, fibrinolisi, separazione meccanica di superfici peritoneali, inibizione della proliferazione fibroblastica. Le tecniche attualmente utilizzate per prevenire la formazione di adesioni post chirurgiche hanno dimostrato limitato successo. L’utilizzo di un biomateriale che non complica la procedura chirurgica o impedisce la cicatrizzazione mentre si controlla la formazione di adesioni postchirurgiche, rappresenterebbe un risultato eccellente. Il presente studio ha esplorato l’eziopatologia e l’epidemiologia della sindrome aderenziale, le metodiche già utilizzate nella nostra esperienza e l’utilizzo di una pellicola bioriassorbibile in polimero di polilattide.

Actions (login required)

View Item View Item