Il Ministero del Culto e l’episcopato meridionale: la politica ecclesiastica nel Regno di Napoli durante il Decennio francese

Gargano, Anna Il Ministero del Culto e l’episcopato meridionale: la politica ecclesiastica nel Regno di Napoli durante il Decennio francese. [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]PDF - Solo per gli Amministratori dell'archivio - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
1911Kb

Abstract

Lo studio si è proposto di indagare la politica ecclesiastica perseguita nel Regno di Napoli durante il Decennio Francese attraverso l’analisi bibliografica di testi di repertorio e più recenti, e un’accurata ricerca archivistica su fondi in gran parte poco esplorati, relativi al Ministero del Culto, organo istituzionale preposto alla gestione dei rapporti Stato-Chiesa. La documentazione prodotta da questo particolare comparto dell’amministrazione statale costituisce una preziosissima fonte d’informazioni, utile per comprendere non solo l’evoluzione del Ministero del Culto all’interno di una più generale riforma dello Stato, attuatasi tanto nel Regno di Napoli, quanto nel Regno d’Italia ed in tutti i territori entrati nella sfera del Grand Empire, ma anche, per non dire soprattutto, per toccare con mano i problemi che il Governo si trovò ad affrontare in campo ecclesiastico e i relativi interventi messi in atto, dalla soppressione dei monasteri all’istituzione delle scuole gratuite nella capitale, dai provvedimenti per ridurre il numero degli ecclesiastici a quelli per la riforma dei seminari, dai rilievi statistici per “misurare” la qualità e la quantità delle parrocchie, dei canonicati e delle chiese recettizie ai controlli sulla residenza dei vescovi e dei parroci, dall’introduzione del Codice Napoleone alle istruzioni relative sia al matrimonio civile che al divorzio. Gli ecclesiastici quali canali di mediazione sociale costituivano un ganglio troppo importante per l’amministrazione dello Stato. Ne conseguiva che anche tutto ciò che riguardava il loro ministero pastorale doveva essere attentamente filtrato e in qualche modo guidato dall’alto, dal Governo. Non mancarono resistenze ma anche appoggi; i vescovi che si dichiararono propensi a favorire il regime napoleonico, furono chiamati in causa nel vasto lavoro di rinnovamento di strutture ormai obsolete, che avevano continuato ad avere un senso fino a quando era stato in piedi il sistema feudale. Veri attori di questo “dramma” furono dunque, da una parte, i vari ministri del Culto, Luigi Serra di Cassano, Luigi Nicola Pignatelli, Giuseppe Zurlo e Francesco Ricciardi e dall’altra i vescovi. Relazioni e interrelazioni fra centro e periferia e quindi fra Governo e Vescovi e fra questi ultimi e il clero e infine i fedeli, sono stati oggetto particolare e approfondito dell’indagine. La ricerca ha una chiara collocazione geografica, ma l’analisi non ha avuto come unico punto di riferimento il Regno di Napoli. Lo studio di un organo istituzionale, quale fu il ministero preposto alla gestione del culto, infatti, è stato inquadrato in un’ottica comparativa, soprattutto per chiarire l’intensità dei rapporti che si istaurarono tra la Francia e le realtà ad essa collegate.

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:Ministero del Culto; Vescovi; Decennio
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 11 Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-STO/02 STORIA MODERNA
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Tortorelli Ghidini, Marisa
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
De Lorenzo, Renata
Stato del full text:Inedito
Istituzione:Università degli Studi di Napoli "Federico II"
Dipartimento o Struttura:Discipline storiche "Ettore Lepore"
Tipo di tesi:Dottorato
Stato dell'Eprint:Inedito
Scuola di dottorato:Storia
Denominazione del dottorato:"Storia della Società europea"
Ciclo di dottorato:XXI
Numero di sistema:4237
Depositato il:09 Dicembre 2009 16:59
Ultima modifica:05 Agosto 2010 09:10

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record