Di Tizio, Antonio (2006) L’architettura romanica nel territorio dauno lungo la via peregrinorum. [Tesi di dottorato] (Inedito)

[img]
Anteprima
PDF
Dottorato_Di_Tizio.pdf

Download (291kB) | Anteprima
Tipologia del documento: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Titolo: L’architettura romanica nel territorio dauno lungo la via peregrinorum
Autori:
AutoreEmail
Di Tizio, Antonio[non definito]
Data: 2006
Tipo di data: Pubblicazione
Numero di pagine: 158
Istituzione: Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento: Configurazione ed attuazione dell'architettura
Dottorato: Tecnologia e rappresentazione dell'architettura e dell'ambiente
Ciclo di dottorato: 18
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Gangemi, Virginia[non definito]
Tutor:
nomeemail
Baculo, Adriana[non definito]
Data: 2006
Numero di pagine: 158
Parole chiave: Cupola, Daunia, Romanico
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/17 - Disegno
Depositato il: 30 Lug 2008
Ultima modifica: 30 Apr 2014 19:23
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/558
DOI: 10.6092/UNINA/FEDOA/558

Abstract

L'esaltazione di un linguaggio architettonico sviluppatosi nell'arco di secoli, molto legato al territorio e da esso plasmato, è dovuto anche alla conoscenza di opere “minori” quali la chiesa di Santa Maria Maggiore di Siponto e San Leonardo di Siponto, opere emblematiche del romanico pugliese e della sua interpretazione da parte del popolo dauno. Tutte le scelte operative effettuate sono derivate da attente valutazioni sulla morfologia del monumento e si sono fondate sul principio secondo il quale il rilievo del patrimonio architettonico ed ambientale è considerato non solo la base preliminare ad ogni intervento di tutela e di trasformazione di qualsiasi opera di architettura, ma anche una esperienza altamente formativa per chiunque operi nell'ambito della conoscenza e tutela dei beni culturali. I casi analizzati sono esemplificativi di un linguaggio, diffuso in tutta Europa ed in Puglia in particolare, che sia in San Leonardo che in Santa Maria trova una interpretazione fortemente caratterizzata dalla cultura e dalle conoscenze tecniche del popolo dauno.

Actions (login required)

Modifica documento Modifica documento