Mascolo, Dina (2006) Risposta T citotossica a breve e lungo termine dopo vaccinazione con il batteriofago filamentoso fd. [Tesi di dottorato] (Inedito)

[img]
Anteprima
PDF
Mascolo.pdf

Download (328kB) | Anteprima
Tipologia del documento: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Titolo: Risposta T citotossica a breve e lungo termine dopo vaccinazione con il batteriofago filamentoso fd
Autori:
AutoreEmail
Mascolo, Dina[non definito]
Data: 2006
Tipo di data: Pubblicazione
Numero di pagine: 50
Istituzione: Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento: Biologia strutturale e funzionale
Dottorato: Biologia applicata
Ciclo di dottorato: 18
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
De Felice, Maurilio[non definito]
Tutor:
nomeemail
Ricca, Ezio[non definito]
Data: 2006
Numero di pagine: 50
Parole chiave: Batteriofago, Citotossicità, Vaccino
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 05 - Scienze biologiche > BIO/09 - Fisiologia
Informazioni aggiuntive: Indirizzo del dottorato: Fisiologia animale, vegetale e microbica
Depositato il: 30 Lug 2008
Ultima modifica: 27 Ott 2014 09:36
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/615
DOI: 10.6092/UNINA/FEDOA/615

Abstract

La ricerca alla base di questa tesi di Dottorato è consistita nell’utilizzo del batteriofago filamentoso come carrier di peptidi immunologicamente rilevanti per realizzare vaccini ricombinanti. L’interesse principale è stato quello di mettere a punto le condizioni migliori e i protocolli di utilizzo di questo carrier per ottenere risposte citotossiche. In particolare sono stati costruiti fagi esprimenti peptidi immunodominanti sia helper che citotossici in topi wild-type C57Bl6/J, ovvero presentati dalle molecole MHC di classe I e II di questo ceppo murino. Sono stati preparati fagi singoli ibridi e doppi ibridi ed è stata valutata l’efficacia delle diverse formulazioni antigeniche nell’indurre risposte citotossiche specifiche a breve e a lungo termine. Sono state messe a punto una serie di metodiche che hanno consentito la valutazione delle risposte funzionali,.ed è stata testata l’efficacia di adiuvanti diversi, di differenti siti di somministrazione ed in fine sono state valutate le dosi ottimali di antigene da utilizzare.

Actions (login required)

Modifica documento Modifica documento