Il degrado del cemento armato: dinamiche, recupero e prevenzione

Traettino, Emilio (2006) Il degrado del cemento armato: dinamiche, recupero e prevenzione. [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]PDF - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
7Mb

Abstract

Il cemento armato, dopo circa un secolo di vita, ha manifestato la sua vulnerabilità all’azione del tempo, degli agenti atmosferici, dei terremoti. Le proporzioni del fenomeno impediscono qualunque tentativo di soluzione basato sulla sostituzione programmata delle costruzioni esistenti, perciò, in questi anni, è crescente l’interesse per il degrado ed il recupero delle strutture in cemento armato sia per salvaguardare il patrimonio edilizio esistente sia, quando risulti necessario, per aumentarne i coefficienti di sicurezza strutturale. Ciò sta convincendo i tecnici che non basta più progettare tradizionalmente le strutture in c.a., basandosi essenzialmente sulla verifica meccanica delle sezioni. Si affronta il problema della diffusione di una nuova concezione del cemento armato, più completa ed articolata, che porti a scegliere i materiali anche in base alla durabilità e non più solo sulla resistenza

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:Cemento armato, Degrado, Prevenzione
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 08 Ingegneria civile e Architettura > ICAR/10 ARCHITETTURA TECNICA
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Mazzolani, Federico Massimo
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Fumo, Marina
Stato del full text:Accessibile
Data:2006
Numero di pagine:210
Istituzione:Università dgli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento o Struttura:Analisi e Progettazione Strutturale
Tipo di tesi:Dottorato
Stato dell'Eprint:Inedito
Denominazione del dottorato:Ingegneria delle Costruzioni
Ciclo di dottorato:XVIII
Numero di sistema:681
Depositato il:01 Agosto 2008
Ultima modifica:04 Febbraio 2009 09:39

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record