Giordano, Laura (2006) Modellazione numerica dei fenomeni di trasporto solido in aree costiere. [Tesi di dottorato] (Inedito)

[img]
Anteprima
PDF
Tesi_Giordano_Laura.pdf

Download (18MB) | Anteprima
Tipologia del documento: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Titolo: Modellazione numerica dei fenomeni di trasporto solido in aree costiere
Autori:
AutoreEmail
Giordano, Laura[non definito]
Data: 2006
Tipo di data: Pubblicazione
Numero di pagine: 253
Istituzione: Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento: Scienze della Terra
Dottorato: Scienze e ingegneria del mare
Ciclo di dottorato: 17
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
D'Argenio, Bruno[non definito]
Tutor:
nomeemail
Marsella, Ennio[non definito]
Vicinanza, Diego[non definito]
Data: 2006
Numero di pagine: 253
Parole chiave: Modelli numerici, Trasporto sedimenti, Process based
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 04 - Scienze della terra > GEO/02 - Geologia stratigrafica e sedimentologica
Area 04 - Scienze della terra > GEO/12 - Oceanografia e fisica dell'atmosfera
Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/02 - Costruzioni idrauliche e marittime e idrologia
Depositato il: 31 Lug 2008
Ultima modifica: 30 Apr 2014 19:23
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/745
DOI: 10.6092/UNINA/FEDOA/745

Abstract

I fenomeni di trasporto solido in ambiente marino costiero rappresentano una delle principali cause di modellamento ed erosione dei litorali sabbiosi, in quest’ultimo caso può essere estremamente utile disporre di strumenti analitici di tipo numerico per studiare e ricostruire i processi e le dinamiche evolutive delle coste e dei fondali. Nel presente lavoro il problema del trasporto dei sedimenti non-coesivi, all’interno e all’esterno della surf-zone, è stato affrontato attraverso l’implementazione di un modello numerico basato su un approccio modellistico cosiddetto ‘process based’ (Haas & Hanes, 2004). In base a tale approccio, la dinamica costiera è stata scomposta dando un ruolo centrale alla simulazione di processi fisici (onde e correnti) e alla contemporanea riproduzione della risposta dinamica del sistema costiero che, nel caso del trasporto delle particelle sedimentarie, si traduce talvolta attraverso vistose variazioni morfobatimetriche. L’obiettivo del lavoro è stato la realizzazione di uno strumento tipo ‘Coastal Area Model’ in grado di fornire, attraverso simulazioni numeriche, dati relativi al trasporto di sedimenti con particolare attenzione alla modellazione in tempo reale dei cambiamenti morfologici del fondale. Il ‘Coastal Area Model’ è costituito da due modelli numerici integrati tra cui avviene uno scambio continuo di dati, il primo di tipo idrodinamico per modellare la trasformazione del moto ondoso e la generazione di correnti longshore e cross-shore ed il secondo dedicato alla simulazione delle variazioni morfologiche e batimetriche dovute alla movimentazione dei sedimenti. Il modello idrodinamico è stato sviluppato a partire da codici open source, mentre il modello numerico dedicato alla simulazione del trasporto di sedimenti non coesivi è stato realizzato ‘ad hoc’ in modo da aggiornare progressivamente il dataset batimetrico per riprodurre il naturale feedback tra idrodinamismo e variazioni morfologiche del fondale. L’insieme dei modelli numerici, ovvero il ‘Coastal Area Model’, dopo una prima fase di test, è stato applicato alla Baia dei Maronti (Isola d’Ischia (NA) – Mar Tirreno, Italia) al fine di analizzare la dinamica dei processi erosivi in atto e per prevedere attraverso opportune simulazioni le variazioni morfobatimetriche prodotte sia da una mareggiata estrema sia dall’onda morfologica che determina il modellamento a lungo termine della Baia.

Actions (login required)

Modifica documento Modifica documento