Fiorentino, Gabriella (2006) Caratterizzazione molecolare di sostanze umiche da suolo vulcanico. [Tesi di dottorato] (Unpublished)

[img]
Preview
PDF
tesi_fiorentino.pdf

Download (778kB) | Preview
Item Type: Tesi di dottorato
Uncontrolled Keywords: Sostanze umiche, caratterizzazione molecolare, procedura di frazionamento.
Date Deposited: 31 Jul 2008
Last Modified: 30 Apr 2014 19:24
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/767

Abstract

La sostanza organica naturale (humus) è ampiamente distribuita nei suoli, nelle acque e nei sedimenti. Per comprendere il ruolo che il materiale umico svolge nelle dinamiche ambientali, risulta necessaria una precisa caratterizzazione molecolare e chimico-fisica di acidi umici, acidi fulvici ed umina: tale caratterizzazione consente, ad esempio, di mettere in relazione la struttura molecolare delle sostanze umiche con la chimica delle diverse classi di contaminanti con cui esse interagiscono e di predire così il destino e le dinamiche di tali inquinanti negli ecosistemi naturali. Questo lavoro di tesi contribuisce a questa esigenza, attraverso l’applicazione combinata di più tecniche, prima separative e poi spettroscopiche. Il punto di partenza è lo sviluppo di una procedura analitica di frazionamento delle sostanze umiche, attraverso una serie di estrazioni e di blande reazioni idrolitiche volte alla separazione di frazioni omogenee di classi molecolari, più facilmente identificabili. L’analisi degli estratti organici mediante gas-cromatografia/spettrometria di massa (GC/MS) consente l’identificazione e la quantificazione dei composti estratti, mentre informazioni strutturali sui residui solidi finali risultanti dai vari passaggi della procedura di frazionamento sono ricavate attraverso l’utilizzo della pirolisi - gas-cromatografia/spettrometria di massa (Py-GC/MS) e della tecnica di spettrometria di massa in fase liquida con interfaccia ad elettrospray (ESI/MS), contribuendo in entrambi i casi ad analizzare la struttura chimica dei blocchi molecolari costituenti della materia organica di partenza. Un ulteriore contributo allo sviluppo di questo studio è fornito da analisi di tipo spettroscopico, come la spettroscopia infrarossa in riflettanza diffusa a trasformata di Fourier (DRIFT) e la spettroscopia di risonanza magnetica nucleare al carbonio-13 in fase solida (CPMAS-13C-NMR).

Actions (login required)

View Item View Item