CCSVI nei pazienti affetti dal SM: valutazione diagnostica integrata ed impatto clinico della terapia endovascolare

Quarantelli, Mario (2010) CCSVI nei pazienti affetti dal SM: valutazione diagnostica integrata ed impatto clinico della terapia endovascolare. [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]PDF - Solo per gli Amministratori dell'archivio - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
1798Kb

Abstract

Obiettivi: l’Insufficienza Venosa Cronica Cerebro-Spinale (CCSVI), è una condizione provocata da malformazioni in vasi venosi intra ed extracranici deputati al drenaggio venoso cerebrale ed è osservata frequentemente in pazienti affetti da Sclerosi Multipla (SM). Lo scopo dello studio è stato quello di: 1) Ricercare la CCSVI in pazienti affetti da SM, attraverso l’esame Eco-Color-Doppler, angioTC e Flebografico 2) Valutare la correlazione tra la diagnosi ecografica ed angioTC di CCSVI ed i risultati dell’esame flebografico 3) Valutare la sicurezza e l’efficacia della terapia endovascolare delle anomalie riscontrate. Metodi: venti pazienti affetti da SM sono stati sottoposti a valutazione clinica, con attribuzione del punteggio di Expanded Disability Status Scale (EDSS) ed esecuzione di un esame Eco-Color-Doppler. Nei soggetti risultati positivi per la presenza di anomalie, è stata eseguita una angioTC seguita da una Flebografia con manometria ed eventuale Angioplastica Percutanea Transluminale (PTA). Al termine di tali procedure, è stato ricalcolato per ciascun paziente il punteggio EDSS. Risultati: in tutti i pazienti esaminati l’esame Eco-Color-Doppler ha evidenziato anomalie del deflusso e pertanto sono stati tutti sottoposti ad angioTC ed a Flebografia. L’angioTC eseguita per lo studio sia del circolo intra che extracranico ha confermato il reperto morfologico fornito dall’ecoDoppler e soprattutto ha permesso una ottimale pianificazione della procedura endovascolare riducendone i tempi ed ottimizzandone l’approccio terapeutico. La procedura endovascolare è stata eseguita senza complicanze. Sono state rilevate anomalie in tutti anomalie pazienti confermando la sede ed il tipo di alterazioni già evidenziate sia all’Eco-Color-Doppler che all’angioTC e sulla base di tali reperti si è proceduto in tutti i casi a PTA. Conclusioni: secondo la nostra esperienza è stato confermato, nei pazienti affetti da CCSVI, il valore diagnostico dell’esame Eco-Color-Doppler nella diagnosi preliminare e nella selezione dei pazienti, l’importanza fondamentale dell’angioTC nella pianificazione del più corretto trattamento endovascolare. La flebografia con PTA infine risulta metodica di semplice esecuzione non gravata da significativi rischi o complicanze.

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:CCSVI, SM, PTA
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 06 Scienze mediche > MED/36 DIAGNOSTICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
salvatore, marcomarsalva@unina.it
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
iaccarino, vittoriovittorio.iaccarino@unina.it
Stato del full text:Inedito
Data:24 Novembre 2010
Numero di pagine:33
Istituzione:Università degli studi di Napoli Federico II
Dipartimento o Struttura:Scienze biomorfologiche e funzionali
Tipo di tesi:Dottorato
Stato dell'Eprint:Inedito
Scuola di dottorato:Medicina molecolare
Denominazione del dottorato:Imaging molecolare
Ciclo di dottorato:23
Numero di sistema:7946
Depositato il:06 Dicembre 2010 14:24
Ultima modifica:07 Giugno 2011 14:40

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record