Caprioli, Domenico (2010) Uomo, circostante, progetto architettonico. Outillage concettuale per una Nuova Alleanza. [Tesi di dottorato] (Unpublished)

[img]
Preview
PDF
Caprioli_Domenico_23.pdf

Download (3MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Resource language: Italiano
Title: Uomo, circostante, progetto architettonico. Outillage concettuale per una Nuova Alleanza.
Creators:
CreatorsEmail
Caprioli, Domenicodomenicomaria.caprioli@hotmail.it
Date: 29 October 2010
Number of Pages: 250
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Progettazione architettonica e ambientale: teorie e metodologie e operative
Scuola di dottorato: Architettura
Dottorato: Progettazione architettonica e tecnologie innovative per la sostenibilità ambientale
Ciclo di dottorato: 23
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Scarano, Rolandoscarano@unina.it
Tutor:
nomeemail
Scarano, Rolandoscarano@unina.it
Date: 29 October 2010
Number of Pages: 250
Keywords: ecologia; architettura; circostante
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/14 - Composizione architettonica e urbana
Date Deposited: 02 Dec 2010 08:33
Last Modified: 30 Apr 2014 19:44
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/8055
DOI: 10.6092/UNINA/FEDOA/8055

Collection description

L’architettura non occupa spazi ma trasforma ambienti, intervenendo su una complessa rete di relazioni su molteplici livelli: estetico - percettivi, semantici, culturali, sociali, energetici. La banalizzazione del ruolo dell’architetto è uno degli aspetti fenomenici della rottura dell’antica alleanza fra uomo e natura, una frattura che è soprattutto semantica, giacché l’architetto ha smarrito il bisogno e la capacità di leggere il territorio sul quale interviene, nella molteplicità delle sue manifestazioni: una molteplicità che richiede, finalmente, una prospettiva integrata e una presa di coscienza completa. Tale acquisizione non può che passare, come indica Jonas, attraverso un’assunzione di responsabilità che è, a sua volta, inattuabile se non si risolvono due nodi: l’ineluttabilità della relazione fra l’uomo e quanto lo circonda e i termini di questa relazione, soprattutto dal punto di vista ecologico. Questa ricerca si propone di fornire strumenti per la comprensione degli aspetti estetico-percettivi, segnici ed ecologici del territorio in una visione olistica che possa avvalersi del contributo di più discipline - dalla biologia all’antropologia filosofica, dalla fisica all’economia – per suggerire nuovi modelli di relazione tra contesto e architettura, affinché quest’ultima, strumento di trasformazione del territorio per eccellenza, possa rinnovare il proprio ruolo nella costruzione dell’ecumene, della casa degli uomini.

Downloads

Downloads per month over past year

Actions (login required)

View Item View Item