Caprioli, Domenico (2010) Uomo, circostante, progetto architettonico. Outillage concettuale per una Nuova Alleanza. [Tesi di dottorato] (Inedito)

[img]
Anteprima
PDF
Caprioli_Domenico_23.pdf

Download (3MB) | Anteprima
Tipologia del documento: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Titolo: Uomo, circostante, progetto architettonico. Outillage concettuale per una Nuova Alleanza.
Autori:
AutoreEmail
Caprioli, Domenicodomenicomaria.caprioli@hotmail.it
Data: 29 Ottobre 2010
Numero di pagine: 250
Istituzione: Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento: Progettazione architettonica e ambientale: teorie e metodologie e operative
Scuola di dottorato: Architettura
Dottorato: Progettazione architettonica e tecnologie innovative per la sostenibilità ambientale
Ciclo di dottorato: 23
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Scarano, Rolandoscarano@unina.it
Tutor:
nomeemail
Scarano, Rolandoscarano@unina.it
Data: 29 Ottobre 2010
Numero di pagine: 250
Parole chiave: ecologia; architettura; circostante
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/14 - Composizione architettonica e urbana
Depositato il: 02 Dic 2010 08:33
Ultima modifica: 30 Apr 2014 19:44
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/8055
DOI: 10.6092/UNINA/FEDOA/8055

Abstract

L’architettura non occupa spazi ma trasforma ambienti, intervenendo su una complessa rete di relazioni su molteplici livelli: estetico - percettivi, semantici, culturali, sociali, energetici. La banalizzazione del ruolo dell’architetto è uno degli aspetti fenomenici della rottura dell’antica alleanza fra uomo e natura, una frattura che è soprattutto semantica, giacché l’architetto ha smarrito il bisogno e la capacità di leggere il territorio sul quale interviene, nella molteplicità delle sue manifestazioni: una molteplicità che richiede, finalmente, una prospettiva integrata e una presa di coscienza completa. Tale acquisizione non può che passare, come indica Jonas, attraverso un’assunzione di responsabilità che è, a sua volta, inattuabile se non si risolvono due nodi: l’ineluttabilità della relazione fra l’uomo e quanto lo circonda e i termini di questa relazione, soprattutto dal punto di vista ecologico. Questa ricerca si propone di fornire strumenti per la comprensione degli aspetti estetico-percettivi, segnici ed ecologici del territorio in una visione olistica che possa avvalersi del contributo di più discipline - dalla biologia all’antropologia filosofica, dalla fisica all’economia – per suggerire nuovi modelli di relazione tra contesto e architettura, affinché quest’ultima, strumento di trasformazione del territorio per eccellenza, possa rinnovare il proprio ruolo nella costruzione dell’ecumene, della casa degli uomini.

Actions (login required)

Modifica documento Modifica documento