Tarallo, Daniela (2010) La Pericolosità sismica: Valutazione della suscettibilità del territorio alla franosità indotta da eventi sismici e relativa zonazione di I e II livello, su basi geofisiche e geologiche. [Tesi di dottorato] (Unpublished)

[img] PDF
Tarallo_Daniela_23.pdf
Visibile a [TBR] Repository staff only

Download (18MB)
Item Type: Tesi di dottorato
Uncontrolled Keywords: Suscettibilità da frana, frane simo-indotte, zonazione
Date Deposited: 05 Dec 2010 18:33
Last Modified: 30 Apr 2014 19:45
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/8173

Abstract

L’Italia, a causa della sua complessità geologica e morfologica e delle sue caratteristiche sismiche, presenta un elevato grado di suscettibilità alla franosità simo-indotta, al quale si associa un rischio rilevante a causa della densità della popolazione e dell’ubicazione dei centri urbani (Cotecchia et alii, 1969). Attualmente sono pochi i metodi sviluppati per la valutazione dei molteplici fattori che condizionano la suscettibilità di un’area in relazione ai fenomeni franosi sismo-indotti. L’obiettivo di questa ricerca, è quello di fornire un contributo alla definizione di un quadro di riferimento delle metodologie utilizzabili, per l’analisi della suscettibilità da frana sismo-indotta a diverse scale di riferimento e di sviluppare un nuovo metodo per la zonazione della suscettibilità da frane sismo-indotte, congruenti con le diverse scale di rappresentazione (1:100.000-1:25.000) che permetta di conseguire risultati significativi nel nostro territorio. Nonostante i sensibili sforzi finora compiuti, le conoscenze scientifiche e tecniche nel campo delle frane indotte da eventi sismici rimangono insufficienti rispetto alla portata sociale del problema. Le ragioni di ciò risiedono, oltre che nella complessità intrinseca del problema, nel carattere fortemente multidisciplinare dell’argomento e nella difficoltà di conseguire informazioni di grande dettaglio per una corretta e completa stima del controllo che il sisma ha sull’innesco e/o riattivazione di fenomeni franosi. La necessità di proporre una nuova metodologia nasce quindi dal bisogno di fornire ai tecnici professionisti, che affrontano il problema sul territorio nazionale, un criterio unico, semplice ed efficacemente applicabile alle aree italiane e campane a diverse scale (piccola e media). La nuova procedura messa a punto per la zonazione della suscettibilità a franare sotto l’azione sismica, opportunamente modificata secondo la scala di studio, è stata successivamente testata con riferimento al territorio della Regione Campania e di alcune aree test scelte all’interno del territorio campano. Alcuni dei risultati ottenuti sono stati poi confrontati con i livelli di suscettibilità alla franosità sismo-indotta ottenuti attraverso metodi già presenti in letteratura. I risultati conseguiti si propongono di apportare un contributo alle politiche di pianificazione territoriale in relazione alla stima della suscettibilità, definita come valutazione della propensione di un territorio al dissesto franoso (Fell et alii, 2008).

Actions (login required)

View Item View Item