Ioviero, Marianna (2010) Valutazione di tollerabilità, profilo nutrizionale e stress ossidativo di organismi acquatici alimentati con diete alternative a base di vegetali. [Tesi di dottorato] (Inedito)

[img]
Anteprima
PDF
Ioviero_Marianna_23.pdf

Download (2MB) | Anteprima
Tipologia del documento: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Titolo: Valutazione di tollerabilità, profilo nutrizionale e stress ossidativo di organismi acquatici alimentati con diete alternative a base di vegetali
Autori:
AutoreEmail
Ioviero, Mariannamariannaioviero@yahoo.it
Data: Novembre 2010
Numero di pagine: 100
Istituzione: Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento: Scienza degli alimenti
Scuola di dottorato: Scienze agrarie e agroalimentari
Dottorato: Scienze e tecnologie delle produzioni agro-alimentari
Ciclo di dottorato: 23
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Barbieri, Giancarlobarbieri@unina.it
Tutor:
nomeemail
Fogliano, Vincenzofogliano@unina.it
Data: Novembre 2010
Numero di pagine: 100
Parole chiave: acquacoltura, nutrizione, stress ossidativo, diete alternative
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > AGR/18 - Nutrizione e alimentazione animale
Area 05 - Scienze biologiche > BIO/10 - Biochimica
Area 05 - Scienze biologiche > BIO/09 - Fisiologia
Depositato il: 02 Dic 2010 14:44
Ultima modifica: 30 Apr 2014 19:45
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/8270
DOI: 10.6092/UNINA/FEDOA/8270

Abstract

Lo scopo della ricerca mira a testare diete alternative per l’alimentazione diretta e indiretta di specie marine, sostituendo, in parte o completamente, i mangimi tradizionali con vegetali che hanno un basso costo, possono essere recuperati da scarti di produzione per l’alimentazione umana e sono facilmente reperibili sul mercato. Inoltre, l’uso dei vegetali, ricchi in antiossidanti, potrebbe rivelarsi una soluzione valida e naturale per aumentare la resistenza agli stress, e dunque alle malattie, e per ridurre la percentuale delle farine di pesce presenti nei mangimi tradizionali che provocano un enorme impatto sugli stock ittici naturali. Lo spinacio, il pomodoro, l’origano, il cranberry, l’oliva e l’uva sono stati aggiunti o sostituiti ai mangimi tradizionali per l’alimentazione di organismi marini appartenenti a diversi livelli della catena trofica e a diversi phylum marini: crostacei (Artemia salina L.), molluschi (Mytilus galloprovincialis Lmk.) e pesci (Sparus aurata L.). La somministrazione delle diete test ai livelli inferiori della catena trofica,permette di ipotizzare un notevole abbattimento degli elevati costi di approvvigionamento e produzione di organismi vivi/freschi per l’alimentazione degli avannotti e dei riproduttori, noti come gli stadi di sviluppo più delicati, per cui è necessaria una dieta con specifiche caratteristiche nutrizionali. Inoltre l’utilizzo dei vegetali permette di ipotizzare colture in continuo dello zooplancton attivando l’intero ciclo vitale degli organismi e, dunque, riducendo al minimo l’approvvigionamento in natura.

Actions (login required)

Modifica documento Modifica documento