Ferrara, Fabrizio (2010) SELECTION TASK: SENTENCE INTERPRETATION AND TASK STRUCTURAL FEATURES EFFECTS. [Tesi di dottorato] (Unpublished)

[img] PDF
Ferrara_Fabrizio_23.pdf
Visibile a [TBR] Repository staff only

Download (1MB)
Item Type: Tesi di dottorato
Language: English
Title: SELECTION TASK: SENTENCE INTERPRETATION AND TASK STRUCTURAL FEATURES EFFECTS
Creators:
CreatorsEmail
Ferrara, Fabriziofaber708@hotmail.it
Date: 30 November 2010
Number of Pages: 91
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Scienze relazionali "Gustavo Iacono"
Doctoral School: Scienze psicologiche e pedagogiche
PHD name: Scienze psicologiche e pedagogiche
PHD cycle: 23
PHD Coordinator:
nameemail
Miglino, OrazioUNSPECIFIED
Tutor:
nameemail
Miglino, OrazioUNSPECIFIED
Date: 30 November 2010
Number of Pages: 91
Uncontrolled Keywords: selection task; conditional reasoning
MIUR S.S.D.: Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-PSI/01 - Psicologia generale
Date Deposited: 15 Dec 2010 10:01
Last Modified: 30 Apr 2014 19:45
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/8310

Abstract

Il compito di selezione è un compito di ragionamento in cui i soggetti devono scegliere tra gli stati del mondo presentati (p, non-p, q, non-q) quelli necessari per stabilire lo stato di verità di una regola condizionale “se p allora q”. La risposta logicamente corretta, la selezione di p e non-q, è molto rara, mentre le risposte più frequenti sono p & q o p. Numerose analisi teoriche hanno ipotizzato che questi risultati siano dovuti ad alcune ambiguità interpretative del compito quali quelle legate all’interpretazione della forma logica della regola (intesa come un enunciato bicondizionale invece che condizionale) e al contesto entro cui avviene l’accertamento della regola (il compito viene interpretato come aperto invece che chiuso). La presente ricerca ha l’obiettivo di testare queste ipotesi teoriche, raramente messe alla prova in accurate ricerche sperimentali. La ricerca è articolata in tre studi con un numero complessivo di 936 soggetti. In ogni studio, insieme al compito di selezione è stato somministrato un compito di interpretazione, ideato per l'occasione, per indagare come viene interpretata la regola di cui è richiesto di accertare il valore di verità. Nel primo studio vengono testati compiti di selezione con regola condizionale con un contesto chiuso, nel secondo studio compiti con regola condizionale con contesto aperto, nel terzo compiti di selezione con regola bicondizionale. I risultati della ricerca dimostrano che un consistente numero di soggetti interpreta la regola condizionale in modo bicondizionale, che l’interpretazione della regola influenza i pattern di risposta, e che il contesto aperto o chiuso del compito non influenza la risoluzione del compito.

Actions (login required)

View Item View Item