Reti del terzo settore e welfare territoriale. Un'indagine sul terzo settore napoletano

Delle Cave, Luigi (2010) Reti del terzo settore e welfare territoriale. Un'indagine sul terzo settore napoletano. [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]PDF - Solo per gli Amministratori dell'archivio - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
3742Kb

Abstract

La messa a fuoco dei cambiamenti interni ai sistemi nazionali di welfare fa emergere i processi di ristrutturazione che interessano le architetture di governo delle politiche sociali (Geddes, Le Galès, 2001). In Italia, così come in altri paesi europei, il modello di welfare state è stato interessato da una profonda trasformazione dei suoi principali istituti, attraverso un processo di riforma istituzionale ed organizzativa che ha spostato a livello locale il baricentro del nuovo assetto welfaristico. Pur ancorati alle specificità dei singoli contesti nazionali, tali mutamenti hanno disegnato traiettorie di sviluppo caratterizzate generalmente da un ridimensionamento dell’autorità pubblica nelle decisioni collettive, a favore del coinvolgimento di una pluralità di attori nella costruzione e implementazione delle politiche sociali (Bifulco 2008). Il cambio di prospettiva allinea la riflessione al dibattito odierno sul tema della governance e sull’importanza che i network vanno assumendo come assetto organizzativo locale, in ambienti dell’azione pubblica caratterizzati da crescenti livelli di complessità. Le reti di governance si strutturano intorno a connessioni fra più attori, settori, livelli e si dipanano sia in verticale, lungo l’asse dei poteri politico-amministrativi, sia in orizzontale lungo le linee di cooperazione fra i soggetti pubblici e i soggetti privati. La struttura a rete va emergendo, dunque, come forma che soggiace alla costruzione dei nuovi assetti welfaristici e diviene al contempo uno strumento di coordinamento caratterizzato dall’interdipendenza tra i differenti attori del network, sostenuta dal bisogno di ciascuno di scambiare risorse e negoziare scopi. Sulla base di tale dinamismo prende forma un assetto welfaristico dalla struttura reticolare, in cui la performance delle politiche non è più legata alla performance del singolo ma all’azione sinergica di una pluralità di attori, la cui interdipendenza trova forma nell’assunto di un progetto di “riflessività locale” (Martelli, 2006) in cui, da una parte, sono state messe in discussione le cornici regolative, normative e cognitive del welfare state e, dall’altra, ne sono state istituite di nuove che sostengono e tentano di equilibrare il coordinamento fra attori pubblici e privati.

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:terzo settore, governance, network analysis,welfare territoriale
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 14 Scienze politiche e sociali > SPS/10 SOCIOLOGIA DELL'AMBIENTE E DEL TERRITORIO
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Morlicchio, Enricaenmorlic@unina.it
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Zaccaria, Anna Mariazaccaria@unina.it
Stato del full text:Inedito
Data:30 Novembre 2010
Numero di pagine:116
Istituzione:Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento o Struttura:Sociologia
Tipo di tesi:Dottorato
Stato dell'Eprint:Inedito
Scuola di dottorato:Scienze sociali
Denominazione del dottorato:Sociologia e ricerca sociale
Ciclo di dottorato:23
Numero di sistema:8425
Depositato il:02 Dicembre 2010 10:49
Ultima modifica:02 Settembre 2011 13:44

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record