Squillaro, Massimo (2011) I confini dell'abitare ecologico.Dall'edificio bioclimatico alla nascita della biourbanistica. [Tesi di dottorato] (Unpublished)

[img]
Preview
PDF
SQUILLARO_MASSIMO_24.pdf

Download (99MB) | Preview
Item Type: Tesi di dottorato
Language: Italiano
Title: I confini dell'abitare ecologico.Dall'edificio bioclimatico alla nascita della biourbanistica
Creators:
CreatorsEmail
Squillaro, Massimomassimo.squillaro@unina.it
Date: 16 November 2011
Number of Pages: 248
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Progettazione architettonica e ambientale: teorie e metodologie e operative
Doctoral School: Architettura
PHD name: Composizione architettonica
PHD cycle: 24
PHD Coordinator:
nameemail
Cuomo, AlbertoUNSPECIFIED
Tutor:
nameemail
Picone, LuigiUNSPECIFIED
Date: 16 November 2011
Number of Pages: 248
Uncontrolled Keywords: Bioarchitettura,Sviluppo sostenibile
MIUR S.S.D.: Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/14 - Composizione architettonica e urbana
Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/15 - Architettura del paesaggio
Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/12 - Tecnologia dell'architettura
Date Deposited: 06 Dec 2011 08:29
Last Modified: 30 Apr 2014 19:46
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/8513

Abstract

La prima parte della ricerca è dedicata all’analisi generale delle normative e degli strumenti di pianificazione; è stato analizzato quindi lo sviluppo della normativa sulla tutela dell’ambiente e affrontati alcuni temi connessi al nuovo concetto di paesaggio ,quali energia e sviluppo sostenibile. La ricerca tratta in prima analisi l’evoluzione del rapporto tra biologia e architettura, l’influenza delle teorie bioecologiche sulle attuali metodologie progettuali e trattati alcuni esempi dell’esperienza bioecologica del passato, fino alle architetture bioecologiche dei grandi maestri moderni. Dopo aver chiarito obiettivi e fini dell’architettura bioclimatica ,sono stati esaminati temi inerenti agli indicatori di qualità per l’habitat urbano, dalla casa ecologica, all’uso del verde e dell’acqua per l’equilibrio bioecologico dell’uomo e dell’ambiente, con la trattazione di alcune significative esperienze delle diverse aree geografiche. Se l’obiettivo della ricerca è quello di seguire lo sviluppo dell’architettura bioclimatica dagli esordi ai giorni nostri ,dal manufatto architettonico alla costruzione di interi quartieri ecologici,la seconda parte di essa ,ha cercato di cogliere attraverso schede di analisi ,gli aspetti significativi e innovativi del progetto bioecologico a grande scala.

Actions (login required)

View Item View Item