Il Galattosio: un valido vettore per la progettazione di nuovi profarmaci con un migliore profilo farmacocinetico e farmacologico

Luongo, Elvira (2011) Il Galattosio: un valido vettore per la progettazione di nuovi profarmaci con un migliore profilo farmacocinetico e farmacologico. [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]PDF - Solo per gli Amministratori dell'archivio fino a 21 Dicembre 2012 - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
2473Kb

Abstract

I profarmaci galattosilati possono essere considerati una buona strategia per incrementare la selettività e ridurre l’incidenza degli effetti avversi di quei farmaci che sono probabilmente destinati al fallimento terapeutico a causa della tossicità, dell’instabilità e della mancanza di specificità del sito. Per dimostrare ciò, sono stati sintetizzati profarmaci galattosilati di Ketorolac (Ketogal), Flurbiprofene (Flugal), Ketoprofene (Okigal) con lo scopo di proteggere la funzione acida e ridurre la tossicità a livello del tratto gastrointestinale. Gli studi farmacologici hanno dimostrato un aumento dell’attività farmacologica ed una totale assenza di ulcere a livello gastrico, rispetto ai farmaci corrispondenti, somministrati tal quali. Inoltre,è stato sintetizzato un derivato galattosilato della Palmitoiletanolamide (Peagal), un agonista endogeno dei recettori PPAR-α con attività analgesica e anti-infiammatoria. Utilizzando la strategia del profarmaco è stata aumentata la concentrazione intracellulare di farmaco e la sua attività citoprotettiva dose-dipendente, superiore a quella della PEA, dimostra la sua maggiore capacità di attraversare le membrane cellulari e di accumulare il farmaco attivo all’interno della cellula. Infine, è stato sintetizzato un derivato galattosilato della Nitro-arginina (Nagal), in grado di funzionare come profarmaco. La sintesi del Nagal costituisce un approccio utile ad aumentare l’attività analgesica del farmaco, aumentandone la penetrazione nelle cellule, sfruttando il trasportatore per gli esosi, GLUT1, e a liberare L-NA (L-Nitro-arginina) in seguito ad idrolisi chimica ed enzimatica, all’interno delle cellule e a diminuire gli effetti collaterali provocati dalla liberazione di L-NA nel sangue. In conclusione, il D-galattosio può essere considerato un valido vettore adatto per progettazione futura di profarmaci.

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:profarmaci, galattosio, anti-infiammatori, analgesici
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 03 Scienze chimiche > CHIM/08 CHIMICA FARMACEUTICA
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
D'Auria, Maria Valeriamadauria@unina.it
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Rimoli, Maria Graziarimoli@unina.it
Stato del full text:Inedito
Data:30 Novembre 2011
Numero di pagine:151
Istituzione:Università di Napoli Federico II
Dipartimento o Struttura:Chimica farmaceutica e tossicologica
Stato dell'Eprint:Inedito
Scuola di dottorato:Scienze farmaceutiche
Denominazione del dottorato:Scienza del farmaco
Ciclo di dottorato:24
Numero di sistema:8685
Depositato il:05 Dicembre 2011 15:06
Ultima modifica:26 Aprile 2012 13:27

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record