Il Partito Popolare Europeo nel sistema politico dell'Unione

Serpe, Annamaria (2011) Il Partito Popolare Europeo nel sistema politico dell'Unione. [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]PDF - Solo per gli Amministratori dell'archivio fino a 17 Febbraio 2013 - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
743Kb

Abstract

Il lavoro di ricerca proposto, vuole affrontare i punti nodali del rapporto tra sistema partitico e sistema politico a livello Europeo, con un’analisi critica del più longevo raggruppamento politico nella storia dell’Unione: il Partito Popolare Europeo. Nevralgici nella ricerca sono stati i punti di partenza della riflessione storico-istituzionale: l’indagine cioè dell’esistenza, più o meno chiara e palese di un sistema partitico di afferenza parlamentare nell’Unione Europea. La ricerca stessa, è partita dagli assunti investigati da studiosi europei ed internazionali sul sistema politico dell’Unione Europea, che convergono in personali riflessioni sullo stato dell’arte dei lavori di ricerca. Il corpo centrale del lavoro è stato focalizzato sul Partito del Popolarismo Europeo, ed ha analizzato, successivamente all’excursus storico, prima le strutture ed il funzionamento della Federazione Transnazionale, poi le politiche poste in essere e messe in atto dal Gruppo del Partito Popolare Europeo e dei Democratici Europei, che detiene, a tutt’oggi, la maggioranza politica all’interno del Parlamento Europeo. A partire dalle radici cristiane, sono stati sottolineati i fattori ed i passaggi che hanno reso possibile una convergenza fattiva tra ideologie simili, ma diverse, data dall’inclusione di forze politiche conservatrici nel raggruppamento politico: ponendo in risalto i lavori di mediazione che sono stati propri del Partito Popolare Europeo, e che l’hanno reso, ad oggi, la Federazione con numero maggiore di Stati e partiti afferenti. Si è cercato, nella disamina sia storica che politologia, di mettere in risalto quelli che sono gli inconfutabili punti di contatto tra sistemi di partito nazionali e Partiti Europei, per dare chiara indicazione, nonostante le carenze informative, dell’esistenza stessa di un sistema partitico a livello sovra nazionale. Attraverso l’analisi successiva del peso politico e dei rapporti interistituzionali tra partiti ed Istituzioni europee, si è cercato di delineare le linee propositive e prospettiche dell’evoluzione che sottende un ruolo di decision-making del Parlamento Europeo, attraverso lo sviluppo stesso delle Federazioni e dei Gruppi politici. Dal punto di vista metodologico, le ricerche hanno spaziato da un lavoro su testi e riviste scientifiche, sia nazionali che internazionali, ad approfondimenti presso l’Archivio generale del Partito Popolare Europeo e le istituzioni politiche europee di Bruxelles. L’innovatività della ricerca è da cogliere nella proposta di un primo lavoro italiano che affronta la storia di una Federazione politica europea, nonché nell’attenzione dedicata ad un oggetto di indagine spesso trascurato quale la natura e l’evoluzione dei partiti europei.

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:Partito Popolare Europeo Partiti Europei Parlamento Europeo
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 12 Scienze giuridiche > IUS/14 DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA
Area 14 Scienze politiche e sociali > SPS/04 SCIENZA POLITICA
Area 14 Scienze politiche e sociali > SPS/03 STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Feola, Raffaele
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Feola, Raffaele
Stato del full text:Inedito
Data:29 Novembre 2011
Numero di pagine:226
Istituzione:Università di Napoli Federico II
Dipartimento o Struttura:Scienze dello Stato
Stato dell'Eprint:Inedito
Scuola di dottorato:Scienze politiche
Denominazione del dottorato:Scienza politica e istituzioni in Europa
Ciclo di dottorato:24
Numero di sistema:8705
Depositato il:12 Dicembre 2011 13:23
Ultima modifica:03 Maggio 2012 10:34

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record