Meccanismi molecolari associate a scompenso ventricolare destro in cardiopatie congenite con ostruzione all’efflusso

di Pietro, Elisa (2011) Meccanismi molecolari associate a scompenso ventricolare destro in cardiopatie congenite con ostruzione all’efflusso. [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]PDF - Solo per gli Amministratori dell'archivio fino a 18 Gennaio 2013 - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
318Kb

Abstract

Le cardiopatie congenite sono malformazioni relativamente comuni che spesso si associano a prognosi negativa. Grazie al miglioramento delle tecniche di correzione chirurgica, il numero di pazienti con cardiopatie congenite (CHD) sono in progressivo aumento, tuttavia la mobilità e la mortalità tardiva di questi pazienti rimangono un problema aperto e ad elevato impatto sociale. Le complicanze tardive includono lo scompenso ventricolare destro e l’ipertensione polmonare secondaria. Nonostante il notevole impatto sociale ed economico della disfunzione ventricolare destra le alterazioni molecolari che lo caratterizzano rimangono sconosciute per cui non sono attualmente disponibili interventi farmacologici mirati atti ad interferire e “correggere” tali alterazioni.Lo scopo del nostro studio è proprio quello di valutare i meccanismi molecolari che possono innescare la disfunzione ventricolare destra nelle cardiopatie congenite associate a sovraccarico di pressione del ventricolo destro. I nostri dati dimostrano che una complessa rete di alterazioni molecolari è alla base della disfunzione ventricolare destra nei pazienti con tetralogia di Fallot (TOF) e stenosi polmonare (PS). Queste alterazioni differiscono almeno in parte da quelle già individuate per il ventricolo sinistro. Nel ventricolo destro di pazienti con TOF e PS non abbiamo infatti trovato attivazione di βARK1 come accade nel ventricolo sinistro con ostruzione dell’efflusso; la risposta angiogenetica VEGF-mediata è notevolmente ridotta e la riduzione dell’attività di pathways protettivi (p-ERK, p-P38, P38α) si associa ad incremento dei segnali di morte cellulare (activated Caspase 3). L’alterazione della risposta angiogenetica e dell’omeostasi cellulare sembrano essere, quindi, coinvolte nello sviluppo della disfunzione ventricolare destra in pazienti con cardiopatie congenite associate ad ostruzione dell’efflusso destro. Il nostro studio mostra inoltre che la disfunzione ventricolare rilevata dal TAPSE correla con tali alterazioni metaboliche. L’interferenza farmacologica con questi meccanismi potrebbe offrire nuove opzioni terapeutiche mirate come approccio complementare alla tradizionale chirurgia.

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:Cardiopatie congenite; ventricolo destro; sovraccarico di pressione
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 06 Scienze mediche > MED/11 MALATTIE DELL'APPARATO CARDIOVASCOLARE
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Marone, Gianni
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Rapacciuolo, Antoniorapacciu@unina.it
Stato del full text:Inedito
Data:29 Novembre 2011
Numero di pagine:25
Istituzione:Università di Napoli Federico II
Dipartimento o Struttura:Medicina clinica, scienze cardiovascolari ed immunologiche
Stato dell'Eprint:Inedito
Scuola di dottorato:Medicina clinica e sperimentale
Denominazione del dottorato:Fisiopatologia clinica e medicina sperimentale
Ciclo di dottorato:24
Numero di sistema:8733
Depositato il:06 Dicembre 2011 14:31
Ultima modifica:09 Maggio 2012 13:14

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record