Peno-vulvoscopia digitale: una nuova metodica di analisi biofisica nella gestione dell'ambulatorio di dermatologia genitale

Del Sorbo, Antonio (2006) Peno-vulvoscopia digitale: una nuova metodica di analisi biofisica nella gestione dell'ambulatorio di dermatologia genitale. [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]PDF - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
3536Kb

Abstract

La peno-vulvoscopia è una metodica diagnostica non invasiva che permette di valutare microscopicamente alcuni pattern morfologici che si possono osservare in corso di fenomeni fisiologici o patologici della cute e delle mucose dell’area genitale. Dai dati provenienti della letteratura internazionale prodotta negli ultimi anni, emerge la necessità di osservare, descrivere e memorizzare su piattaforme digitali le immagini provenienti dagli ambulatori di dermatologia genitale, con lo scopo di poter disporre in futuro di archivi di elementi morfologici il più possibile obiettivi e riproducibili. Allo stato attuale la tecnica si prefigge soltanto scopi sperimentali, in quanto tranne in rari casi, viene ancora oggi poco utilizzata dal dermatologo pratico ai fini diagnostici. I pattern peno-vulvoscopici infatti, non sono ancora del tutto standardizzati, dato il recente interesse ad una metodica strumentale e la necessità di personale addestrato nell’analisi vettoriale delle immagini digitali, oltre che di strumenti tecnologicamente via via più avanzati. La recente introduzione di sistemi digitali che consentono l’acquisizione e le analisi delle immagini e l’applicazione di programmi di intelligenza artificiale (reti neurali) per la diagnosi automatica, sta riscontrando un crescente successo in molte aree della dermatologia digitale per immagini (Videodermatoscopia ad epiluminescenza delle lesioni melanocitarie, Tricogramma con videoscansione, Videocapillaroscopia) grazie all’enorme numero di immagini osservate, archiviate e standardizzate in questi ultimi anni. Lo scopo del nostro studio è stato quello di descrivere i pattern morfologici ottenuti in peno - vulvoscopia digitale, osservabili in situazioni fisiologiche (papule perlacee, grani di Fordyce, etc) o patologiche (verruche genitali, mollusco contagioso, infezioni erpetiche, etc) in circa 1000 pazienti osservati dal 2002 al 2005. Obiettivo futuro del presente lavoro è quello di poter scambiare in tempo reale, attraverso la rete telematica (Intranet, Internet a banda larga, Rete Campana di Dermatologia Genitale, Teledermatologia), un numero di immagini statisticamente significativo, con lo scopo di poter un giorno razionalizzare almeno in parte, il prezioso contenuto informativo delle immagini ottenute con tale metodica.

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:Penoscopy, Vulvoscopy, Genital dermatology
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 06 Scienze mediche > MED/35 MALATTIE CUTANEE E VENEREE
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Ayala, Fabio
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Donofrio, Pompeo
Stato del full text:Accessibile
Data:2006
Numero di pagine:35
Istituzione:Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento o Struttura:Patologia Sistemica
Tipo di tesi:Dottorato
Stato dell'Eprint:Inedito
Denominazione del dottorato:Dermatologia Sperimentale
Ciclo di dottorato:XVIII
Numero di sistema:874
Depositato il:30 Luglio 2008
Ultima modifica:04 Febbraio 2009 09:40

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record