CONTROLLO E MONITORAGGIO DELLE POPOLAZIONI ANIMALI SELVATICHE IN ITALIA, ALLEVATE E NATURALI. IL RUOLO DEI CENTRI DI RECUPERO ANIMALI SELVATICI NELLA GESTIONE DEI BIOINDICATORI PER LA CONOSCENZA DELLO STATO DI SALUTE DEGLI HABITAT E DELLA FILIERA UOMO-ANIMALE-AMBIENTE

PINTO, STEFANO (2011) CONTROLLO E MONITORAGGIO DELLE POPOLAZIONI ANIMALI SELVATICHE IN ITALIA, ALLEVATE E NATURALI. IL RUOLO DEI CENTRI DI RECUPERO ANIMALI SELVATICI NELLA GESTIONE DEI BIOINDICATORI PER LA CONOSCENZA DELLO STATO DI SALUTE DEGLI HABITAT E DELLA FILIERA UOMO-ANIMALE-AMBIENTE. [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]PDF - Solo per gli Amministratori dell'archivio - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
2003Kb

Abstract

Il triennio di dottorato di ricerca (2009-2011) si è posto a cavallo tra la fine della fase di proposta ed attuazione delle aree di particolare interesse ambientale e naturale (2009) e la prima fase di valutazione degli effetti ottenuti (2010). Per tal motivo l’indagine sperimentale proposta ha tentato di identificare gli strumenti più idonei a produrre risultati di monitoraggio utili alla: 1) Identificazione della biodiversità animale presente. a) Valutazione della presenza/assenza delle specie animali segnalate dal progetto BIOITALY nell’anno 2000 all’interno del SIC “Camposauro” (Codice Sito Natura 2000: IT 8020007). b) Valutazione della fauna raccolta da due CRAS (Centro Recupero Animali Selvatici). 2) Valutazione dello stato di salute della biodiversità. a) Analisi delle cause che hanno messo in una condizione di difficoltà la fauna selvatica e le ragioni del loro ricovero presso i CRAS. 3) Attualizzazione dell’influenza antropica sugli ambienti e sugli habitat. a) Descrizione di un modello di espansione urbana: “la Provincia di Napoli”. 4) Analisi della compatibilità tra sviluppo socio-economico e conservazione della natura. a) Descrizione di una operazione di controllo di una popolazione selvatica considerata dannosa nei confronti di un’attività produttiva. Per il conseguimento dell’obiettivo si è ipotizzato quindi, di organizzare uno schema di raccolta dati a partire da una struttura operante sul territorio, in grado di ricevere informazioni pluridirezionali fornite da differenti attori come un Centro di Recupero Animali Selvatici. Al fine di rendere quanto più ampie le fonti di informazione, dopo aver identificato quale centro di coordinamento il CRAS di Oristano (Sardegna), si è costituita il network italiano per il controllo dello stato di salute della biodiversità includendo le strutture citate nei Materiali e metodi all’interno del progetto WildTech del 7th FP (2010-2013).

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:fauna selvatica - centro recupero fauna selvetica - cormorano - bioindicatori - biodiversità
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 07 Scienze agrarie e veterinarie > AGR/19 ZOOTECNICA SPECIALE
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
CORTESI, MARIA LUISA
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
ESPOSITO, LUIGIluigespo@unina.it
Stato del full text:Inedito
Data:20 Dicembre 2011
Numero di pagine:114
Istituzione:Università di Napoli Federico II
Dipartimento o Struttura:Scienze zootecniche e ispezione degli alimenti
Stato dell'Eprint:Inedito
Scuola di dottorato:Scienze veterinarie per la produzione e la sanità
Denominazione del dottorato:Produzione e sanità degli alimenti di origine animale
Ciclo di dottorato:24
Numero di sistema:8763
Depositato il:06 Dicembre 2011 16:31
Ultima modifica:26 Aprile 2012 10:08

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record