Trattamento delle neoplasie epatiche con termoablazione: valutazione ecografica intra-operatoria

Rizzo, Gennaro (2006) Trattamento delle neoplasie epatiche con termoablazione: valutazione ecografica intra-operatoria. [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]PDF - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
692Kb

Abstract

Le neoplasie epatiche primitive e secondarie hanno una rilevante importanza sociale per l’incidenza, le difficoltà di trattamento e la prognosi infausta nelle forme più avanzate. Negli ultimi anni come in tutti i settori della medicina anche in chirurgia epatica si è assistito ad un sensibile progresso tecnologico che ha modificato l’approccio del chirurgo. In questo settore si è assistito ad un sensibile miglioramento delle metodiche di imaging pre-operatorie ed intra-operatorie, allo sviluppo della chirurgia laparoscopica ed all’introduzione di alcune tecniche complementari o alternative alla chirurgia ( RF, alcolizzazione e altre ), che hanno ampliato il numero di pazienti trattabili e migliorato i risultati oncologici. Scopo dello studio presente è stato quello di valutare l’impatto di queste tecnologie sul comportamento chirurgico ed in particolare come l’associazione tra ecografia intra-operatoria e RF possa ottimizzare l’applicazione di questa recente metodica. Si sono esaminati i principi fisici e le possibilità di applicazione clinica attuali della termoablazione (ARF). Si sono valutate inoltre le informazioni fornite dall’ecografia intra-operatoria (EIO) in corso di laparoscopia e laparotomia. L’EIO facilita l’operatore nel documentare le lesioni e effettuare resezioni “ecoguidate”, valutando i rapporti topografici delle lesioni con vasi e dotti biliari principali. In tal senso si inserisce anche l’applicazione dell’EIO in sinergia con l’ARF. L’ausilio delle informazioni EIO in corso di ARF testimoniano in tempo reale la corretta esecuzione e l’efficacia di questo trattamento. Prescindendo dalla valutazione oncologica dell’ARF,i nostri dati (relativi a 16 pazienti trattati negli ultimi 2 anni) anche se numericamente contenuti, sono incoraggianti e ci spingono a proseguire in tal senso, confermando quanto riportato in letteratura relativamente alla sicurezza, alla facile esecuzione ed alla necessità di utilizzare sempre l’ecografia accanto allo strumentario per ARF. Ulteriori progressi sono auspicabili con il perfezionamento dell’ARF e con l’uso routinario dei mezzi di contrasto ultrasonografici che renderanno questa metodica ancora più sensibile ed affidabile.

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:Neoplasie epatiche, Ecografia intra-operatoria, Termoablazione
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 06 Scienze mediche > MED/18 CHIRURGIA GENERALE
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Renda, Andrea
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Renda, Andrea
Stato del full text:Accessibile
Data:2006
Numero di pagine:42
Istituzione:Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento o Struttura:Scienze Chirurgiche, Anestesiologiche-Rianimatorie e dell’Emergenze
Tipo di tesi:Dottorato
Stato dell'Eprint:Inedito
Denominazione del dottorato:Scienze Chirurgiche e Tecnologie Diagnostico-Terapeutiche Avanzate
Ciclo di dottorato:XVIII
Numero di sistema:886
Depositato il:31 Luglio 2008
Ultima modifica:04 Febbraio 2009 09:40

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record