Cimorelli, Luigi (2011) Modellazione e progettazione ottimizzata delle reti di drenaggio. [Tesi di dottorato] (Unpublished)

[img]
Preview
PDF
Luigi_Cimorelli.pdf

Download (3MB) | Preview
Item Type: Tesi di dottorato
Language: Italiano
Title: Modellazione e progettazione ottimizzata delle reti di drenaggio
Creators:
CreatorsEmail
Cimorelli, Luigiluigi.cimorelli@unina.it
Date: 30 November 2011
Number of Pages: 165
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Ingegneria idraulica, geotecnica ed ambientale
Doctoral School: Ingegneria civile
PHD name: Ingegneria dei sistemi idraulici, di trasporto e territoriali
PHD cycle: 24
PHD Coordinator:
nameemail
Pulci Doria, Guelfopulci@unina.it
Tutor:
nameemail
Pianese, Domenicopianese@unina.it
Date: 30 November 2011
Number of Pages: 165
Uncontrolled Keywords: Modellazione, Ottimizzazione, Reti di drenaggio
MIUR S.S.D.: Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/02 - Costruzioni idrauliche e marittime e idrologia
Date Deposited: 06 Dec 2011 13:43
Last Modified: 30 Apr 2014 19:49
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/8959

Abstract

Nel presente lavoro di tesi viene presentato un nuovo tipo di approccio per la progettazione delle reti di drenaggio, siano esse urbane o rurali, caratterizzate dal deflusso di portate variabili sia nel tempo che nello spazio.L' approccio proposto è di tipo probabilistico, in quanto valuta le portate al colmo di piena che affluiscono a specifiche sezioni di riferimento, debitamente posizionate lungo i vari tronchi della rete, a partire da piogge di assegnato periodo di ritorno; inoltre, l‟approccio presentato è, nel contempo, sia idrologicamente che idraulicamente basato, in quanto è in grado di sfruttare un qualsiasi modello semi-distribuito, nell‟ ambito del quale può essere fatto uso di un qualsiasi modello idraulico per la modellazione delle modalità con cui si verifica la propagazione delle piene. Nel lavoro svolto, si è voluto fornire un modello idraulico di propagazione delle piene che, seppure “semplificato” rispetto ai modelli di moto vario completo, fosse, da un lato, in grado di descrivere i vari fenomeni che si realizzano durante il passaggio di un onda di piena (rigurgiti da valle, regimi di corrente mista “veloce/lenta” o “lenta-veloce”, presenza di uno o più risalti idraulici lungo il percorso, possibilità di trattare il passaggio da moto a superficie libera a moto in pressione nelle fognature, propagazione di perturbazioni negative verso monte dovute alla presenza di idrovore, ecc.); dall‟altro, di facile e pratico utilizzo anche in campo tecnico, in modo da consentirne la divulgazione e una rapida estenzione in campo tecnico.

Actions (login required)

View Item View Item