Dare la vita alla vita. Il recupero sostenibile dell'esistente.

Foselli, Maria (2011) Dare la vita alla vita. Il recupero sostenibile dell'esistente. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
111Mb

Abstract

La ricerca è strutturata in due parti: riflessioni metodologiche ed esemplificazione e sono, ovviamente, l’una il contraltare dell’altra. La prima, riflessioni metodologiche, è un’attenta analisi su quanto fino a questo momento è stato detto e scritto sulla progettazione sostenibile architettonica, urbana e ambientale, in generale, e su quella legata al recupero sostenibile in particolare. L’attenzione è posta anche al quadro normativo e legislativo internazionale e nazionale, con uno specifico riferimento agli strumenti di valutazione della sostenibilità utilizzati in Italia e principalmente adottati legislativamente nelle diverse Regioni italiane. Non manca una selezione di esempi internazionali opportunamente schedati. Agli esempi dei progetti selezionati segue e si affianca un’ulteriore selezione esemplificativa di uso delle energie rinnovabili collegato all’Arte: macchine, istallazioni, sculture di artisti contemporanei che connotano la propria produzione con componenti proprie delle tecnologie legate alla produzione delle energie rinnovabili. In questa prima parte vengono, infine, introdotti i criteri di approccio al progetto di recupero sostenibile intesi come insieme di metodiche, pratiche e tecniche di analisi e rilievo finalizzate al reperimento dei dati conoscitivi che costituiscono nel loro insieme l’ascolto e la comprensione di quello che il luogo è in grado di raccontare: il suo racconto materiale del visibile, il suo racconto immateriale del visibile, il suo racconto dell’invisibile. A questo punto di arrivo della ricerca si è pensato di verificarne i risultati applicandoli ad un reale caso di studio. L’idea si è potuta concretizzare grazie ad una convenzione di ricerca avente per oggetto il recupero sostenibile della Masseria Strigari, situata all’interno dell’area del Parco Regionale dei Campi Flegrei. La masseria è un edificio che ha veramente tanto da raccontare. Costruita sopra e in adiacenza di reperti archeologici romani, la villa di Giulio Cesare, e localizzata nell’attuale Parco Monumentale di Baia è, di fatto, un tassello parlante della terra del fuoco, una vera e propria banca del mito, patrimonio mondiale di storia, cultura, archeologia, paesaggio e natura. Nella seconda parte della ricerca, esemplificazione, i presupposti metodologici, gli esempi di riferimento, le normative nazionali e regionali in vigore e l’idea dell’arte come acceleratore di qualificazione territoriale, trovano collocazione e applicazione in un compendio di soluzioni possibili per il recupero sostenibile tanto del Parco Monumentale di Baia, quanto della Masseria Strigari. Un regesto bibliografico, delle fonti e dei riferimenti completa e articola ulteriormente il lavoro.

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:Recupero,sostenibilità, esistente
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 08 Ingegneria civile e Architettura > ICAR/14 COMPOSIZIONE ARCHITETTONICA E URBANA
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Scarano, Rolandorolando.scarano@unina.it
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Rino, Fulviofulvio.rino@unina.it
Stato del full text:Accessibile
Data:29 Novembre 2011
Numero di pagine:376
Istituzione:Università di Napoli Federico II
Dipartimento o Struttura:Progettazione architettonica e ambientale "Teorie e metodologie operative"
Tipo di tesi:Dottorato
Scuola di dottorato:Architettura
Denominazione del dottorato:Progettazione architettonica e tecnologie innovative per la sostenibilità ambientale
Ciclo di dottorato:24
Numero di sistema:9030
Depositato il:26 Luglio 2012 09:13
Ultima modifica:26 Luglio 2012 09:13

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record